Recensioni La sci-fi dal calore umano di Jeff Lemire: Trillium

La sci-fi dal calore umano di Jeff Lemire: Trillium

Il fumettista americano Jeff Lemire è un’anomalia. Dopo l’esplosione di popolarità portatagli dalla trilogia di Essex County, opera intima e autoriale finita per essere candidata all’Eisner Award, la sua scalata tra gli autori top di casa DC Comics è stata fulminea. In meno di quattro anni il Nostro è passato dall’essere il cantore della provincia canadese allo scrittore da tenere d’occhio a ogni costo. E infatti eccolo sospeso tra le platee generaliste (ma non troppo) del nuovo Green Arrow/Justice League Dark e una serie inedita – completamente frutto dei suoi sforzi – tra le maggiori sorprese della rinnovata linea Vertigo. Tanto per avere i piedi in entrambe le scarpe. Ed è una fortuna, perché – con nostro enorme piacere – Lemire è in grado di calzarle entrambe. E con naturalezza, per giunta.

Trillium 001-000

Prendiamo Trillium, miniserie partita pochi mesi fa negli States. La solita storia d’amore tra due persone troppo lontane anche solo per capirsi. Fino a qui nulla di particolare, se non fosse che Lei è una ricercatrice proveniente da un futuro remoto – un 3797 in cui la razza umana è in perenne fuga da un terribile virus mortale – e lui un reduce dalla Prima guerra mondiale impegnato in una spedizione alla ricerca di templi Incas. I loro mondi non impiegheranno molto a incontrarsi, e ogni difficoltà di comunicazione verrà annullata dal potente effetto empatico del fiore Trillium, sorgente di vita e di morte.

A questa trama aggiungiamo le bizzarre tavole di Lemire, mai così naif. Un tripudio di segni tremolanti, invenzioni grafiche mai puramente decorative, e trovate narrative ben congegnate in relazione alla storia (diciamo che vi ritroverete spesso e volentieri a rigirarvi i vari volumi tra le mani, come se le linee narrative fossero su piani diversi), accompagnati da scelte cromatiche mai banali. Per quanto l’etichetta DC ci abbia abituato negli anni a diversi tipi di sperimentazione, in questo caso – almeno dopo i primi tre numeri – pare di essere alle prese più con una produzione PictureBox che Vertigo. Lemire sembra più vicino a Brian Chippendale che a Jamie Delano. Stranezze della produzione indie odierna.

Ma questi aspetti non sono il vero cuore pulsante della serie. Fin dai suoi esordi, Jeff Lemire vuole – innanzitutto – un gran bene ai suoi personaggi. Tanto da fare del racconto del calore umano uno dei suoi tratti distintivi. Non importa da quale universo arrivino i due protagonisti, quali minacce debbano sventare o da quale incubo fuggire. Ciò che più conta sono i loro drammi, sepolti tra i ricordi. E il sollievo provato dopo averli empaticamente divisi con quella che forse, chissà, sembrerebbe l’anima gemella. Il concetto è scontato, eppure la potenza di una condivisione di sentimenti così empatica rimane sempre qualcosa di magnifico da narrare.

Interessante come Lemire pieghi uno dei generi più fuori moda – la fantascienza classico-filosofica, sospesa tra Arthur Clarke e The Twilight Zone – a quello che a lui interessa di più. E alle sue condizioni. Abbiamo così personaggi tridimensionali posti in uno scenario ben poco credibile. Eppure tutto funziona benissimo – e proprio per questo motivo. Il contesto non è il fulcro, ma solo un mezzo per muovere le pedine lungo una direzione più grande. Il fantastico è propulsore dinamico e non uno statico fine. E così, dopo avere letto Trillium giostrando il proprio tempo in un autunno popolato dalla (iper)produzione odierna, si finisce per trovare a ripensarci più di quanto non ci attendeva. Soprattutto a una sequenza come quella in cui i due protagonisti, nonostante tutte le difficoltà, cercano teneramente di comunicare.

Seguici sui social

53,830FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
19,164FollowerSegui

Ultimi articoli

alfredo castelli mille lire fumetto

Il fumetto di Alfredo Castelli fatto con le fotocopie delle mille lire

Il sogno del musicista - Un’opera da mille lire è un fumetto di Alfredo Castelli realizzato con dettagli fotocopiati di una banconota da mille lire.
boys dear becky fumetto garth ennis

“The Boys” di Garth Ennis torna con una nuova serie a fumetti

Garth Ennis è al lavoro su una nuova miniserie spin-off di "The Boys", che sarà ambientato prima della serie originaria conclusasi nel 2012.
next world osamu tezuka manga

Radar. 8 fumetti da non perdere usciti questa settimana

Una selezione di alcuni dei fumetti pubblicati in settimana, che secondo noi meritano la vostra attenzione. Per preparare un weekend di buone letture.