7 cose da sapere sul gruppo Valvoline

In occasione dei trent’anni (più uno) dalla pubblicazione sulla rivista “Alter Linus” dei primi fumetti a cura del gruppo Valvoline, apre domani a Bologna la mostra  “Valvoline Story”, un’esposizione a cura di Coconino Press / Fandango (dotata di un ricco catalogo) che si propone di ripercorrere le opere e il contesto creativo del manipolo di autori che segnò una svolta nel fumetto italiano dei primi anni ’80.

Valvoline nasce infatti a Bologna nel gennaio del 1983, nel momento in cui sulle pagine di “Alter” – per volere di Oreste del Buono – viene pubblicato un inserto curato e realizzato interamente da Lorenzo Mattotti, Giorgio Carpinteri, Daniele Brolli, Marcello Jori, Igort, Jerry Kramsky (insieme ad altri complici, che si uniranno successivamente). Una sorta di collettivo artistico composto da personalità molto diverse, tutte però egualmente concentrate su un obiettivo comune: esplorare nuove forme di racconto a fumetti, sperimentando con grande libertà creativa.

Per ricordare quel momento di passaggio, così importante nella storia della ricerca artistica nel campo del fumetto italiano, abbiamo selezionato sette momenti chiave nel tragitto creativo del gruppo. Fra opere memorabili, tappe evolutive ed incontri che hanno reso l’esperienza “valvolinica” qualcosa di indispensabile per gli autori e i lettori del fumetto dei nostri giorni.