News Festival di Angoulême 2014: i vincitori

Festival di Angoulême 2014: i vincitori

Si è conclusa oggi l’edizione numero 41 del Festival Internazionale del Fumetto di Angoulême. Un’edizione segnata dalle polemiche intorno alle nuove regole per l’elezione del Grand Prix – più aperte e “democratiche” secondo alcuni, più confuse e “populiste” secondo altri. Ma anche un’edizione ricca di mostre ben selezionate e progettate – da “Jacques Tardi e la Grande Guerra” a Gus Bofa, fino all’affascinante excursus sul tema del sogno nella storia del fumetto – e di un Concorso ufficiale i cui risultati hanno incoronato, fra gli altri, due autori sempre più apprezzati in Italia: Alfred e Rutu Modan.

Il Grand Prix de la ville d’Angouleme 2014 è stato assegnato a Bill Watterson, creatore di Calvin & Hobbes, cui spetterà, come di consueto, il ruolo di Presidente dell’edizione 2015 (sempre che l’autore americano, da anni lontano dalle scene, opti per una inattesa – quanto poco probabile – apparizione).

anglogo

Il Palmarès delle opere in concorso, ha quindi assegnato i seguenti Premi:

Il Fauve d’or per il Migliore album è andato a Come prima di Alfred (Delcourt; in uscita in Italia a maggio, per Bao Publishing), viaggio on the road dolceamaro di due fratelli italiani, nell’Italia degli anni Sessanta, in seguito alla morte del padre.

comeprima

La proprietà dell’israeliana Rutu Modan (Actes Sud) è andato il Premio speciale della Giuria. Il graphic novel dell’autrice di Exit Wounds, che racconta anch’esso un viaggio – quello di una nonna e di una nipote, a Varsavia, sulle tracce di un appartamento abbandonato durante la guerra – aveva già conquistato il Premio Gran Guinigi a Lucca Comics&Games 2013.

Il Premio alla migliore Serie è stato assegnato alla surreale serie indipendente Fuzz & Pluck vol.2 dell’americano Ted Stearn (Cornélius; in Italia un volume è stato pubblicato nel 2013 da 001 Edizioni), dedicata alle sgangherate vicissitudini della strana coppia costituita da un orsetto di peluche e un pollo spennato.

Il Premio Rivelazione, dedicato alle nuove scoperte editoriali, ha visto un curioso ex-aequo tra la raccolta Le livre de Léviathan, del’americano Peter Blegvad (L’Apocalypse; visto in Italia, anni fa, sulle pagine di “Linus”) e Mon ami Dahmer, dello statunitense Derf Backderf (Çà & Là): il primo è una delle strips moderne più sofisticate e radicali per la sperimentazione formale, il secondo racconta le riflessioni dell’autore che frequantò, anni fa, il futuro – e celeberrimo – serial killer noto come “il cannibale di Milwaukee”.

an1-modan

Il Prix jeunesse, riservato alle pubblicazioni destinate ai lettori giovanissimi – bambini e ragazzi – è stato assegnato al secondo volume dei Carnets de Cerise (Soleil), opera dei francesi Joris Chamblain e Aurélie Neyret.

Il Premio al Patrimonio, destinato alle migliori riedizioni e recuperi storici, è andato invece a Cowboy Henk, gioiellino nonsense dei fiamminghi Herr Steele e Kamagurka (Frémok).

Il Premio Fauve polar/SNCF, focalizzato sul genere giallo/noir, ha incoronato Ma révérence, dei francesi Wilfrid Lupano e Rodguen (Delcourt).

an2

Il Premio al Migliore fumetto alternativo, infine, è andato a una rivista svizzera: Un fanzine carré.

an2 - Copia

Al di fuori del Palmarès ufficiale, va inoltre segnalato quanto meno il pluri-premiato graphic novel (già Prix Landerneau de la BD, e Prix coup de coeur al festival Quai des bulles di St-Malo) Mauvais genre di Chloé Cruchaudet (Delcourt), che ha conquistato il Premio del pubblico sponsorizzato dalla catena di librerie Cultura.

mauvais-genre

Seguici sui social

48,899FansMi piace
1,392FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,190FollowerSegui

Ultimi articoli

The Disastrous Life of Saiki K

Netflix produrrà una nuova serie dell’anime “The Disastrous Life of Saiki K.”

Netflix ha annunciato di aver messo in produzione una nuova serie dell'adattamento animato del manga "The Disastrous Life of Saiki K".
cover bendis mack fumetto

“Cover” di Bendis: il metafumetto all’ennesima potenza

Cover, fumetto di Bendis e Mack, racconta di un fumettista che viene reclutatato da una donna per lavorare sotto copertura a operazioni della CIA.
marvels nuovo fumetto

Kurt Busiek e Alex Ross realizzano un sequel di “Marvels”

Kurt Busiek e Alex Ross realizzeranno un nuovo fumetto di Marvels in occasione del venticinquennale dell'uscita della storia.