Rubriche Sunday page L’inverno di Calvin & Hobbes: 2-2-1992

L’inverno di Calvin & Hobbes: 2-2-1992

L’altra tavola che abbiamo commentato, paradossalmente, pareva più di ‘apertura’ che di chiusura. Là i personaggi si presentavano finalmente liberi dall’inferno delle convenzioni (americane): i condizionamenti della vita e/o le convenzioni del fumetto (della strip sindacata). Costrizioni contro le quali lo stesso Watterson, nel suo conflittuale percorso professionale, si è a lungo battuto, e in parte con successo.

In questa tavola, che fu invece la terzultima sunday page, tutto è costrizione – con humour, ovviamente – poiché ciò che commenta è la vita vera. Non siamo più in un limbo imbiancato, un paradiso idealizzato. Si corre in avanti, alla ricerca di un mitico “istante di gratificazione”; ma se tutto è troppo veloce – “quickly” – alla fine si inciampa. Come nella vita vera. Il grande senso del movimento dei corpi, quasi fossero fatti di gomma, così come il dinamismo compositivo della tavola, ne sono un’espressione perfetta. Il ritmo delle vignette, dal formato piuttosto variabile e quasi incastonate in modo caotico – all’interno di una tavola asimmetrica, privata di una propria, coerente spazialità – suggerisce quindi l’illusione di un movimento che, in quanto illusorio, non può non arrestarsi.

calvin_hobbes_tav2_2febb1992

La neve, infine. Che qui non si scioglie in “disegno puro” – linea nel vuoto, segno nel bianco come nella tavola del 1995. Anzi, Watterson sembra sottolinearne il significato di “materia” per eccellenza, nella quale i due amici cadono, coprendosi di bianco. In quella tonda vignetta-zoom, bordata di nero, solo momento di assenza del colore e di disegno ridotto al grado zero, Watterson racconta la neve come apparenza grafica della realtà. Un piccolo assaggio della realtà con cui Calvin spesso si scontrerà; ma una “realtà morbida” voluta da un creatore benevolo, che prepara (disegna) un futuro di conflitti mirabili, vivificanti, e persino – come spiegherà la sunday page finale – fonte di un percorso di scoperte e di sorrisi. La neve che copre, ma anche la neve che rivela – la forza stessa del disegno.

VAI ALLA PRIMA TAVOLA

LEGGI L’INTRODUZIONE

Seguici sui social

54,299FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
19,358FollowerSegui

Ultimi articoli

dylan dog magazine 2020

Cosa c’è su “Dylan Dog Magazine 2020”

Il prossimo 24 marzo Sergio Bonelli Editore pubblicherà in edicola il Dylan Dog Magazine 2020. Ecco un po' di pagine in anteprima.
giant-size x-men tribute fumetto marvel

Il remake di “Giant-Size X-Men 1”, con 37 disegnatori

37 disegnatori contemporanei hanno realizzato un remake di "Giant-Size X-Men 1", l'albo con cui nel 1975 Marvel Comics rilanciò gli X-Men.
coda fumetto panini

“Coda”, il fantasy fuori canone di Spurrier e Bergara

Coda, pubblicato da Panini, è l’ennesimo fumetto fantasy fuori canone che arriva in una stagione in cui il genere sembra essere del tutto rinato.