News 15 canzoni sui supereroi

15 canzoni sui supereroi

di Eugenia Durante

Che cos’hanno in comune Paul McCartney, Ozzy Osbourne e Max Pezzali? Il fatto di avere dedicato almeno una delle loro canzoni a un supereroe. E non sono i soli, a partire dagli anni ’60 – ovvero da quando la Marvel di Stan Lee estende la propria influenza culturale su tutto il pianeta – ad aver voluto omaggiare musicalmente il mondo dei superpoteri. Abbiamo selezionato 15 canzoni, più o meno celebri, nate proprio da questo intento. Alcune sono passate alla storia della musica, altre no. Se non altro, resteranno nella storia del fumetto.

uomo_ragno

Magneto and titanium man – Paul McCartney and Wings (1975)

B-side del singolo degli Wings Venus and Mars/Rock Show del 1975, Magneto and Titanium Man parla di Magneto, Titanium Man e Crimson Dynamo (Dinamo Cremisi). Il pezzo piacque tantissimo a Stan Lee.

Iron Man – Black Sabbath (1970)

Anche se originariamente il pezzo non si riferiva all’omonimo supereroe Marvel, ma a un uomo di ferro frutto della fantasia di Ozzy Osbourne e compagni, Iron Man è diventato presto colonna sonora di tutti i film e pietra miliare nell’immaginario di generazioni.

https://www.youtube.com/watch?v=9LjbMVXj0F8

Nobody loves the Hulk – The Traits (1969)

Nessuno ama Hulk perchè è brutto, grosso e verde! Dalla Summer of Love, un pezzo storico del garage punk statunitense.

Spiderman 79 – Veruca Salt (1994)

“You’re so nice, you tie me in a web, and cradle me ‘till dawn.” Del resto, chi non vorrebbe essere cullato fino all’alba da Spider-Man in una ragnatela?

Batdance – Prince (1989)

Poteva forse mancare all’appello il supereroe più oscuro di DC Comics? Batdance fa parte della colonna sonora ufficiale del Batman di Tim Burton e divenne una hit negli Stati Uniti.

https://www.youtube.com/watch?v=teGJHiA7jwg

Hanno ucciso l’uomo ragno – 883 (1992)

Non si poteva non citare il pezzo più conosciuto degli 883, che ha come protagonista ancora una volta Spider-Man.

Superheroes – Daft Punk (2001)

La domanda è legittima: perché citare solo un supereroe, quando puoi averli tutti?

Spidey’s curse – Black Lips (2011)

La vita è dura se sei Peter Parker. I Black Lips ribadiscono che “da grandi poteri derivano grandi responsabilità.”

Gotham City – R Kelly (1996)

Che succede a casa Batman? Ce lo spiega R Kelly in Gotham City, soundtrack del film Batman e Robin.

Plastic Man – The Kinks (1969)

Il pezzo della band inglese è dedicato a Patrick O’Brian, in arte Plastic Man, storico personaggio di DC Comics.

Ghost Rider – Suicide (1977)

I Suicide prendono il nome da un volume di Ghost Rider intitolato “Satan Suicide” e questo pezzo è solo l’ennesima dichiarazione d’amore nei confronti del personaggio Marvel.

Superman – The Clique (1969)

Più conosciuta è la cover dei R.E.M. del 1986, ma Superman rimane un classico per gli amanti dei supereroi.

Batman – The Jam (1977)

La celebre sigla di Batman secondo i The Jam.

I am the law – Anthrax (1987)

Con questo pezzo dedicato a Giudice Dredd, gli Anthrax furono censurati da tutte le radio statunitensi a causa del testo. Inutile dire che a Giudice Dredd tutto questo non sarebbe piaciuto affatto…

https://www.youtube.com/watch?v=9rVFi6qkPHE

Flash – Queen (1980)

Non potevamo dimenticarci di Flash Gordon e citare i Queen con questo pezzo parte della colonna sonora del film diretto da Mike Hodges nel 1980.

Seguici sui social

51,217FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,239FollowerSegui

Ultimi articoli

punisher soviet garth ennis marvel

Un’anteprima di “Punisher: Soviet” di Garth Ennis e Jacen Burrows

Marvel Comics ha diffuso un'anteprima di Punisher: Soviet, prima delle due miniserie che vedono il ritorno dello sceneggiatore Garth Ennis sul Punitore.
nuovi fumetti marvel 2099

Il ritorno dell’universo Marvel 2099

Marvel Comics ha annunciato una serie di albi speciali dedicati a Marvel 2099, che propone le versioni future dei personaggi della casa editrice.
vincitori ignatz awards 2018

Le nomination agli Ignatz Awards 2019

I titoli e gli autori candidati agli Ignatz Awards 2019, il più importante riconoscimento dedicato al fumetto indipendente americano.