Il Manuale delle Giovani Marmotte, ai tempi dell’ebook

Come poteva, il Manuale delle Giovani Marmotte, contenere tutte quelle informazioni, è sempre stato uno dei misteri insoluti della tradizione fumettistica Disney. Ideato da Carl Barks come uno dei gadget indispensabili dei Junior Woodchucks, apparve per la prima volta nel 1954 nella storia The Secret of Atlantis. Da allora, la sua presenza si è estesa ad altre storie, fino ad arrivare in Italia, dove nel 1969 fu concretamente realizzato e pubblicato da Mondadori in un’edizione curata da Elisa Penna e Mario Gentilini, con illustrazioni create ad hoc da Giovan Battista Carpi.

juniorwoodchuckhandbook2

Oggi, una spiegazione al mistero dell’onniscienza del Manuale potremmo trovarla dicendo che si tratta (anche) di un ebook. E quindi che lo spazio per le informazioni da esso contenute è potenzialmente immenso. Disney Publishing ha infatti presentato gli iBook per iPhone, iPad e iPod Touch in versione digitale su App Store de il Manuale delle Giovani Marmotte (e anche del Manuale di Nonna Papera). Il contenuto resta lo stesso, il contenitore è assolutamente inedito. Avveniristico, addirittura, se si pensa che sono passati 60 anni dall’inizio della storia. Un modo per portare una delle più celebri invenzioni del fumetto Disney (almeno in Italia) alle generazioni di nativi digitali del terzo millennio.

10392320195735_manuale giovani marmotte