Katsuhiro Ōtomo ha 60 anni. Ne parlano Lrnz, Accardi, Dall’Oglio, Villani

Lucio Villani aka Lucho

AkiraLucho

Nel 1993 non c’erano cellulari, non c’era internet, le videocassette erano poche e comunque non avevo il videoregistratore. Mi vedevo i cartoni come tutti, ma guardavo tutto con la purezza dedicata a Elliot il Drago Invisibile.
Nel 1993, a tredici anni, vidi Akira.
Mio fratello portò me e un mio amico in un cinema lontanissimo sulla Laurentina a due metro, due autobus e due ore da casa mia. In sala eravamo in dieci, noi e un gruppetto di motociclisti. Avevamo il numero minimo per la proiezione e il film partì. La mia vita cambiò e il mio immaginario sterzò. Akira era arrivato e fu incredibile.
La potenza del film fu guarnita da un paio di episodi interessanti.
Le urla dei motociclisti alla vista di una moto con la retromarcia.
Le urla dei motociclisti alla vista della distruzione di una moto con la retromarcia.
I motociclisti che sulla frase finale del film “io sono…TETSUO!” urlarono un sonoro “Esticazzi!”.
Un grande ingranaggio si era messo in funzione, ne avremmo gioito in tanti. Il manga già girava in casa mia e presto arrivarono, dello stesso autore, anche Sogni di Bambini e Memorie, volume di storie brevi zeppo di citazioni tra cui una ormai celebre di M.C. Escher.
Tornando a Katsuhiro Otomo, non so neanche che faccia abbia. Non mi è mai venuta l’idea di cercare una sua foto. Forse perché, ai tempi in cui mi sono impresso indelebilmente in mente le sue opere, sui manga, stampati spesso a cazzo, arrivavano delle infelici foto in bianco e nero. La mia priorità era concentrarsi sui disegni.
È indice del mio gradimento il fatto che poco tempo dopo aver visto Akira, mi compravo, con parecchi denari, (proprio tanti): KABA, un bellissimo volume di illustrazioni. Alla fiera di Bologna poi, lottai come un vietcong per una copia dell’introvabile “Akira Club edizione deluxe”, con cartoline IN RILIEVO!!!
Nello stesso momento, Igort parlava e rideva con i suoi amici della Kodansha, mentre io avevo il volto contratto dal pensiero di riuscire a prendere quel libro.
Lui si voltava, rideva, e ci guardava con disgusto. Eravamo in tanti in fila.
Un giornalista ha detto “No Akira, no Matrix”. Quello che posso dire io è che quando cominciavo a disegnare con idee serie, da Lamù, alle convention, ci si vestivano solo le ciccione. Adesso le Lamù e tutti i cosplayer si sono evoluti e il merito è anche del signor Otomo e della lungimiranza ed influenza delle sue opere. Lunga vita ad Akira!

P.S. Se leggendo Otomo vi vien da pensare che disegnare palazzi e prospettive sia facile, non vi preoccupate, lo fa con tutti.

P.P.S. Qualche tempo fa in un negozio vendevano 6 copie di Memorie perfette, fondo di magazzino a 3 euro l’una. I 18 euro meglio spesi degli ultimi anni. Le ho regalate quasi tutte.

P.P.P.S. Riletto in età adulta, Akira (come Maus, l’Incal, Batman anno uno, l’Orlando Furioso di Pino Zac, ecc…) genera sempre la riflessione: “…”.

P.P.P.P.S. Ai tempi, quasi nessuno ci ascoltò quando urlammo a gran voce che Otomo non aveva nulla da invidiare a Moebius e a Spiegelman etc… Anzi, la reazione alle nostre parole era tipo riunione di condominio di Fantozzi. Ora, per fortuna, ci chiamano a casa per renderci partecipi della loro ultima e incredibile scoperta.

Loading...