Kim Jung Gi, l’illustratore-fenomeno coreano, debutta nel fumetto francese

Spy Games è il titolo del fumetto realizzato da Kim Jung Gi per la sceneggiatura del francese Jean David Morvan (Spirou et FantasioSir Pyle e Merlin). L’albo è pubblicato da Glénat. La notizia merita attenzione perché si tratta del primo fumetto occidentale dell’artista sud coreano, diventato negli ultimi anni un caso – soprattutto online – per il suo sorprendente talento naturale nel disegno. Come ha più volte dimostrato, infatti, Jung Gi è in grado di disegnare qualsiasi cosa, dagli oggetti agli edifici, in maniera estremamente dettagliata, ma senza alcun bisogno di riferimenti fotografici.

Kim Jung Gi ha dato l’annuncio nel primo tweet con cui ha inaugurato il suo account Twitter. Ad oggi, Jung Gi ha pubblicato tre ampi scketchbook, per un totale di oltre 2.000 pagine di illustrazioni. Inoltre, ha disegnato sei volumi della serie TLT – Tiger Long Tail in collaborazione con lo scrittore Park Seung-Jin.

UPDATE

Il fumetto uscirà in Italia a ottobre 2014, pubblicato da Mondadori Comics nella collana Primia.

Leggi anche: l’anteprima di Spy Games

Kim-Jung-Gi-morvan-spy-games

«Osservo le cose tutte le volte. Mentre sto disegnando non uso riferimenti, ma prendo spunto dalla mia memoria visiva. Osservo le cose con attenzione tutti i giorni, quasi abitualmente. Studio immagini di ogni genere e tipo.» racconta Kim Jung Gi sul suo sito.

Di seguito due video che mostrano l’abilità dell’artista al lavoro.

Qui invece è al lavoro su due tavole di Spy Games.