Escatologie o scatologie. L’anatomia di Paperino

In una discussione di alcune settimane fa nata in seguito ad una immagine – la copertina del numero 3056 di Topolino – pubblicata su Facebook dal nostro Paolo Interdonato, è stata segnalata una storia del 1961 di cui non avevo assolutamente memoria.

3056cover

Si tratta di Paperino anno…2001, pubblicata sul numero 309 di Topolino nel 1961. La bella e anomala storia, scritta da Attilio Mazzanti e disegnata da Luciano Gatto, è interamente disponibile sul sito web di quest’ultimo (QUI). L’episodio è stato citato da uno dei partecipanti al piccolo dibattito sorto intorno al tema della presenza (o meno) della morte nel mondo Disney. Paperino anno…2001 è ambientata, infatti, in parte nel futuro (il futuro del 1961), e in quel futuro Paperone è… morto.

15

In realtà, in questa storia il passaggio veramente interessante è un altro. A pagina 36 troviamo infatti una vignetta in cui il Paperino del futuro percuote il se stesso proveniente dal passato, che esclama: “Il mio piloro è assolutamente sgombro”. Sgombro di monete, s’intende. Nella vignetta successiva il “Paperino anziano” minaccia il suo doppio con una bottiglia di olio di ricino.

34Se l’espediente comico della minaccia a base di olio di ricino (di per sé parecchio inquietante) era già stato usato nelle storie pubblicate sulla testata, è invece – credo – la prima volta che mi capita di trovare un riferimento così preciso e dettagliato all’anatomia interna dei personaggi Disney, e non solo in ambito italiano.

Al di là della sempre  interessante ma fin troppo frequentata riflessione sulla rimozione della morte dall’universo e dall’immaginario disneyano (pur con molte eccezioni), la rimozione dell’organico è, a mio parere, più interessante e inedita. Le due cose, del resto, sono fortemente collegate. Anche qui non si tratta di un caso del tutto unico, in ambito Disney. Mi riferisco in particolare al cortometraggio del 1946 The Story of Mestruation che, pur suscitando stupore anche oggi in relazione ai tempi e alla storia della casa di produzione, in fin dei conti presenta sempre un sesso de-sessualizzato, senza clitoride, imene, labbra e in cui le mestruazioni non sono rosse.

http://https://www.youtube.com/watch?v=eLhld_PI2zg

Ma Paperi e Topi sono un’altra cosa. Sappiamo che molti personaggi femminili disneyani indossano biancheria intima, che Clarabella, almeno nelle sue prime apparizioni, quando ancora non era antropomorfizzata, possedeva delle mammelle e che Paperino, che di fatto è sempre nudo dalla cintola in giù, quando è completamente nudo si copre per vergogna quello che di solito è normalmente esposto.

Ma quello che dentro quei corpi c’è, o non c’è, è sempre rimasto un mistero più forte di quello della morte e della sessualità. Del resto, fin da alcuni corti degli anni Cinquanta, Pippo viene presentato come sposato, mentre nella serie animata Goof Troop è addirittura vedovo e con un figlio a carico. Nella storia a puntate Paperino Paperotto alla ricerca di Billy, viene presentata una madre single, divorziata e con una numerosissima tribù di figli. Alla fine dell’avventura finirà persino per risposarsi. Eppure, nella maggior parte dei casi, i bagni disneyani sono ancora senza water e, pur mangiando, non defecano (almeno esplicitamente). I loro orifizi, i loro liquidi corporei – con l’eccezione del sudore e, in passato, di qualche sputo – non vengono mai mostrati, se pure esistono.

Nella storia di Mazzanti e Gatto qui riportata, invece, Paperino ha anche un piloro (sgombro, quindi in certi casi non lo è?). Il piloro è posizionato nella parte conclusiva del nostro stomaco. Quindi Paperino ha anche uno sfintere? Paperino defeca?

Al di là della semplicistica provocazione di questa ultima domanda, l’anomalia di questa vignetta potrebbe servire a ricostituire una gerarchia di quelle che sono le più importanti rimozioni dell’universo Disney e poi, a specchio, della nostra società. Come del resto ha sottolineato gran parte della Body Art degli anni Sessanta e Settanta, e come conferma la storia della stessa Disney, parlare di morte – specialmente se associata al concetto consolatorio dell’aldilà – è più che lecito; al sesso si può accennare; ma della cacca non se ne può proprio far sentire l’odore.

  • In realtà nella nostra società si parla di sesso, si parla di cacca, si parla di tutto. Ma non si parla di morte. Al limite di parla “dei morti”, ma la morte non viene affrontata, si fa di tutto per tenerla fuori dai discorsi di ogni giorno. Sarei curioso di sapere a quando risale l’ultimo riferimento Disney in tal senso: mi stupisce poco che nel 1961 si immaginasse un Paperone del futuro come morto, mi stupirebbe di più in una storia contemporanea.

  • Andrea

    Ma non parlo di società contemporanea, parlo specificatamente dell’immaginario Disney. Detto questo, certo, oggi la morte è molto meno rappresentata nei fumetti Disney.

  • Andrea Smedile

    @MarKco:disqus l’ultima morte in disney è anche abbastanza recente: prima puntata (TL3058) della miniserie dedicata al ritorno di PK, Potere e Potenza. Si vede la morte di Paperino per mano degli Evroniani…

  • Joe Jouettes

    Meravigliosa Potere e Potenza…

    D’altronde si tratta di una delle più mature storie mai apparse sul Topo, che appartiene ad un universo narrativo più libero da censure e adulto!