Cover Art Dragon Ball compie 30 anni: la sua prima copertina su Shonen Jump

Dragon Ball compie 30 anni: la sua prima copertina su Shonen Jump

Esattamente il 3 dicembre di 30 anni fa, debuttava sulle pagine del magazine settimanale di manga per ragazzi Shonen Jump una serie che da lì in poi segnò la storia del fumetto giapponese: Dragon Ball.

Akira Toriyama aveva da poco concluso una serie comica di successo, Dottor Slump e Arale, pubblicata dal 1979 al 1984 sempre sulle pagine di Shonen Jump. Ormai mangaka affermato, Toriyama a fine 1984 diede il via a Dragon Ball, il racconto delle avventure di Goku, un bambino fortissimo intenzionato a trovare le Sfere del drago, che avrebbero esaudito un suo desiderio. Tra fantasy, commedia, combattimenti, il racconto arrivò a veder crescere il protagonista, che difende per anni una Terra immaginaria da pericolose minacce aliene.

shonenJump1984DB
La copertina di Weekly Shonen Jump del 3 dicembre 1984

È una saga che fino a quel momento non aveva avuto precedenti nella storia del manga, ma che allo stesso tempo riusciva ad attingere ispirazione dai più disparati aspetti della cultura pop giapponese e non solo. Goku era un ragazzo scimmia con un bastone che si allunga, come il personaggio di un mito cinese; arrivava sulla Terra da un pianeta lontano, un po’ come Superman; nelle sembianze era ispirato ad Atom, il protagonista di Astroboy, lo storico manga di Osamu Tezuka; i comprimari avevano quasi tutti nomi di cibi, nello spirito goliardico che già aveva contraddistinto il Toriyama di Dottor Slump e Arale, e i riferimenti non si fermano qui. Eppure Toriyama era sin da subito riuscito a creare un’opera energica, originale, ricca di personalità che, in tutto il suo arco narrativo – durato 11 anni e 42 volumi – servì da traino per l’intera industria del fumetto giovanile giapponese.

La rivista Shonen Jump, dalla metà degli anni Ottanta ai primi anni Novanta conobbe un successo senza precedenti, ospitando, oltre a Dragon Ball, alcune delle serie più popolari dell’epoca, da Ken il guerriero a Le bizzarre avventure di JoJo, passando per Slam Dunk, Video Girl Ai e molte altre, prima di lasciare spazio a serie del presente, che a Dragon Ball sono estremamente debitrici, come One Piece e Naruto. Nel periodo di pubblicazione delle avventure di Goku, Shonen Jump raggiunse tirature record di oltre 6 milioni di copie; mentre anche le raccolte di Dragon Ball in Tankobon segnavano record su record, tanto che a febbraio 2014, con 159 milioni di copie, era il secondo manga più venduto della storia, dopo One Piece (che conta comunque molti più albi).

akiratoriyama
Un giovane Akira Toriyama al tavolo da disegno

In Italia – pubblicato per la prima volta nel 1995 da Star Comics e ristampato più volte in varie edizioni – Dragon Ball segnò un punto di svolta nella pubblicazione dei manga. Fu infatti la prima serie giapponese a essere pubblicata – su specifica imposizione dell’editore nipponico – nel senso di lettura giapponese (da destra a sinistra), pratica ormai diffusa nell’editoria del manga in Italia, ma all’epoca una vera scommessa, che solo una serie col potenziale di Dragon Ball avrebbe potuto vincere.

Seguici sui social

51,840FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,501FollowerSegui

Ultimi articoli

“Shackleton – Ai confini del mondo”, l’esplorazione del Polo Sud

In anteprima le prime pagine da "Shackleton – Ai confini del mondo", di Jean-François Henry, Jacques Malaterre, Hervé Richez e Olivier Frasier.

Il gioco di carte dei Bonelli Kids

Sergio Bonelli Editore ha annunciato che realizzerà un gioco di carte dei Bonelli Kids. Il debutto è previsto a Lucca Comics & Games 2019.

Il fumetto underground giapponese in mostra a Treviso

A Treviso Comic Book Festival si terrà una mostra dedicata a due dei più importanti fumettisti underground giapponesi, Tetsunori Tawaraya e Daisuke Ichiba.