Focus Profili Chi era Wolinski, il più grande osservatore della sua generazione, ucciso a...

Chi era Wolinski, il più grande osservatore della sua generazione, ucciso a Charlie Hebdo

Chi era Georges Wolinski?

Era un francese tunisino, nato da padre ebreo di origine polacca e da madre francese di origine italiana. Trasferitosi a Parigi nel 1952, cercò di laurearsi come architetto senza riuscirci, ma scoprendo invece la sua vera vocazione. Sin da 1960, contribuì costantemente con strisce al mensile satirico Hara-Kiri. Le sue strisce trattavano con disinvoltura e intelligenza caustica tematiche politiche o erotiche (tra le più importanti, ricordiamo Ils ne pensent qu’à à ça, Histoires Inventées e Hit-Parades). Durante i movimenti del maggio sessantottino, Wolinski creò insieme a Siné – in seguito al centro di controverse vicende per alcune vignette satiriche dai toni accesamente anti-semitici – la rivista satirica L’Enragé.

Leggi anche: Le copertine di Wolinski per Charlie Hebdo

wolinski2

Nel 1970 nasce forse la sua opera più importante, quella Paulette creata insieme a Georges Pichard, che destò sonori scandali in patria. Paulette fu serializzata su Charlie Mensuel, rivista satirica che fu chiusa nel 1986 e che vide proprio Wolinski dal 1970 al 1981 coprire la carica di editor-in-chief. Nel frattempo, il vignettista continuò ad esporre la sua visione politica e filosofica attraverso strisce comiche come Je ne veux pas mourir idiot o Pas que la Politique dans la vie. Dalla fine degli anni Settanta, alternò l’attività di caporedattore con quella di vignettista per L’Humanité, Libération, Paris-Match e L’Écho des Savanes. La sua matita affilata e pungente è stata una delle colonne di Charlie-Hebdo sia nella sua prima incarnazione, che nella rinascita degli anni Novanta.

paulette06couv

Controverso e coraggioso, George Wolinski – famoso e pubblicato anche in Italia – è caduto nell’attacco terroristico alla redazione parigina della rivista, insieme al direttore Charb e gli autori Cabu e Tignous, nonché all’economista Bernand Maris. Una fine tragica che lascia l’amaro in bocca e una somma di disperazione per la modalità estrema, insensata e inaspettata con cui la realtà ha spezzato tra le matite più sagaci e irriverenti della stampa francese. Una satira che in Wolinski, attento alle pieghe che assumeva la società francese, a volte si faceva estrema, implacabile e – in virtù di un pensiero fieramente laico – violenta nella sua azione di disincanto e demistificazione.

Dalla primavera parigina sino allo scandalo Hollande, attraverso diversi e continui strali verso ogni forma di fanatismo – fosse esso religioso o molto più spesso ideologico – Wolinski e la redazione di Charles Hebdo fotografava e analizzava con la velocità del tratto caricaturale – fonte primaria della bande dessinée e del fumetto tutto – la società in maniera spietatamente realistica. Ed è proprio quella realtà che ha reclamato ad un certo punto l’ultima parola. Un colpo alla democrazia (a volte estrema, offensiva e priva di tatto senza dubbio) che fa tremare i polsi dinanzi alla violenza in cui a volte l’ideologia si incarna.

wolinski

Seguici sui social

48,871FansMi piace
1,387FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,159FollowerSegui

Ultimi articoli

Be Comics! Padova Tuono Pettinato

Tutti gli incontri di Padova Be Comics! 2019

Sono dodici gli incontri dell'edizione 2019 di Be Comics!, festival dedicato a fumetto, games e cosplay che si svolgerà a Padova il 23 e il 24 marzo.
detective comics 1000 copertine

Le oltre 50 copertine di “Detective Comics” #1000

DC Comics ha diffuso le copertine di Detective Comics #1000, l’albo che celebra gli 80 anni di Batman, che sono più di 50.
van gogh barilli sakka becco giallo

La biografia a fumetti di Vincent Van Gogh

Un po' di pagine dalla biografia a fumetti di Vincent Van Gogh, scritta da Francesco Barilli e disegnata da Roberta "Sakka" Sacchi per BeccoGiallo.