Le nuove strisce di Internazionale. Intervista al direttore Giovanni De Mauro

Con il numero in edicola da domani, ritorna la pagina dedicata alle strips dal settimanale Internazionale, (quasi) interamente rinnovata. Dopo alcune settimane di sospensione – e di interrogativi, da parte dei lettori del giornale, sul suo incerto destino – la testata diretta da Giovanni De Mauro conferma e rilancia: nessun ripensamento rispetto alla presenza delle strips, ma una decisa ripartenza della stessa formula – quattro serie, una pagina – con una conferma e tre novità, una delle quali italiana. Ovvero, una strip del nostro Tuono Pettinato.

internazionale

D’altro canto, per un giornale che si è distinto per l’uso costante dell’illustrazione e del fumetto, sia in eccellenti copertine firmate Lorenzo Mattotti, Gabriella Giandelli o Gipi, sia in una rubrica ‘pionieristica’ come Graphic Journalism, la pagine delle strisce era diventata da tempo un elemento di riconoscibilità. Complice anche il successo di strips di grande qualità come Macanudo o Mr Wiggles, la cui conclusione pochi anni fa condusse il direttore a svelare in un editoriale: “Tanti lettori, lo sappiamo dalle email e dalle telefonate, cominciano a leggere Internazionale dalle strisce.”

Finita la lunga stagione dei Liniers e dei Neil Swaab, l’attenzione di Internazionale per quella pagina si è rivolta a nuove serie, affidate persino ad autori italiani di primo piano come Makkox e Zerocalcare, che hanno raccolto per certi versi il testimone passato da Gipi, che per qualche tempo realizzò alcune brevi storie ‘verticali’ per il settimanale. Ma da domani inizia una fase ulteriore, e proprio da DeMauro abbiamo raccolto in anteprima alcuni dettagli su cosa aspettarci. A partire dalla ‘fine’ di un ciclo: «L’esperimento fatto con Makkox e Zerocalcare è stato senza dubbio interessante. Ma alla fine abbiamo concordato che era un’esperienza conclusa. D’altra parte, il loro talento funzionava, è vero, sia nelle singole vignette che nelle strisce. Ma è nelle storie lunghe che trovano l’ambiente più congeniale».

Quale sarà, dunque, il nuovo menu della pagina dedicata alle strisce?

La prima sarà realizzata da Tuono Pettinato, e si intitolerà Mediocri. Sarà una serie che racconterà l’Italia mediocre, con il tipico umorismo di Tuono che voi ben conoscete.

tuono pettinato internazionale
La prima vignetta della nuova striscia di Tuono Pettinato per Internazionale

La seconda serie sono invece le strip di Sephko, un autore cileno (il cui vero nome è Gojko Franulic), pubblicata già in Messico e altrove, ma diventata soprattutto un piccolo fenomeno sul web.

filantropo
Una striscia recente di Sephko, dedicata a Batman

Poi ci sarà una striscia di un fumettista finlandese, Fingerpori di Pertti Jarla, che ormai dal 2007 esce sulle pagine di Helsingin Sanomat, il principale quotidiano della Finlandia.

Una striscia dalla versione inglese di Fingerpori
Una striscia dalla versione inglese di Fingerpori

La quarta serie è Buni, la strip di Ryan Pagelow che è presente su Internazionale ormai già da qualche anno, e che rimane confermata.

Come siete arrivati a questa selezione?

Come sempre, alla fine, un po’ per caso. Naturalmente, il nostro punto di partenza è la lettura dei giornali. Prima i quotidiani, e poi il resto. Ne abbiamo passati in rassegna davvero tanti… Trovare delle strisce convincenti, nel contesto di oggi, è meno semplice rispetto al passato.

In che senso?

La strip è un linguaggio classico, con regole precise. Molti giovani autori, lavorando sul web, si trovano oggi ad avere meno vincoli di formato, che magari variano anche di settimana in settimana: più largo, più alto… Questo ingombro ‘bloccato’ che è la strip classica, oggi, è sempre più raro.

Cosa vi piace del lavoro di Tuono Pettinato?

Più di altri mi sembra che abbia le strisce nelle sue corde. In un certo senso, le strips richiedono proprio un ‘altro’ mestiere. E poi Tuono Pettinato sa tenere insieme registro alto e basso. E sa essere sempre divertente.