Rubriche #tavolidadisegno Nello studio di Alice Socal

Nello studio di Alice Socal

Questa settimana, per la rubrica #tavolidadisegno, a raccontarci e mostrarci il suo angolo di lavoro c’è Alice Socal (italiana residente ad Amburgo). L’autrice ha un libro – intitolato Sandro – in uscita a maggio per l’editore torinese Eris Edizioni (ve ne abbiamo mostrato in anteprima alcune tavole a questo link).

Socal7
Quali sono i progetti a cui stai lavorando attualmente?

Sto finendo il mio secondo libro a fumetti: Sandro. È una storia su cui lavoro da ormai tre anni, un’eternità. Parla di identità e diventare adulti. Il protagonista, Pallas, pur essendo alla vigilia del suo ventiseiesimo compleanno continua ad essere circondato/ossessionato dall’amore puro e incondizionato del suo amico immaginario dell’infanzia, Sandro, che in qualche modo gli impedisce di fare le cose da “adulto”. Ma è soprattutto una storia di amicizia, confusione mentale e assurdità dell’esistenza.

La prima versione é stata il mio lavoro di diploma qui ad Amburgo. A periodi alterni ho continuato a tornarci su con più e meno convinzione. I ragazzi di Eris Edizioni hanno risposto con la giusta convinzione ed entusiasmo per motivarmi a far sì che questo libro esca fuori proprio bene! Sono molto emozionata all’idea e assaporo il momento in cui avrò l’oggetto tra le mani.

Socal1
Che strumenti e tecniche usi per disegnare?

Matita, soprattutto micromina 0,35 per questo ultimo lavoro. Nel mezzo ho disegnato altre storie brevi quasi sempre con la Pilot G-Tec, la penna di Gipi per capirci. Per animazioni e GIF sempre Photoshop, idem per le colorazioni. Amo i livelli di colorazione gradiente di Photoshop.

Socal3
Hai delle abitudini da rispettare prima di metterti al lavoro?

Se il cazzeggio infinito é da considerare un abitudine allora é quello. Il lavoro si mescola all’ozio (facebook, tumblr, gallerie di Repubblica ecc.ecc.) ed ad una certa diventa finalmente, per un tempo piú o meno lungo a seconda della pressione, lavoro. Ci deve essere sempre della musica, dei liquidi (tè di ogni sorta) e delle pause yoga/sgranchimento.

Socal4
Quali sono per te gli autori e le opere di riferimento?

Ci sono autori epifania a cui sarò sempre legata affettivamente, perché hanno impregnato la mia formazione: Gipi, Marco Corona, alcuni di Canicola, Anke Feuchtenberger e Stefano Ricci (questi ultimi due in particolare in quanto sono stati a lungo miei insegnanti a Bologna e Amburgo). Altrimenti, in altri ambiti, sono stata anch’io come molti altri, diversi anni fa investita dall’amore per Wes Anderson (a cui faccio nel libro pallidissimo omaggio, bravo chi lo coglie) che si mescola a quello per alcuni film di Harmony Korine, Larry Clark e Todd Solondz.

Socal5

Socal6
Hai diversi gadget e oggetti legati a Star Wars, tipo un pupazzo. Ne sei una fan?

Non proprio. Questo è un regalo di una carissima amica ricevuto per posta anni fa. I film vecchi di star wars li ho visti da quando ero piccolissima con mio fratello e mi piacciono tuttora. Ero innamorata di Luke Skaywalker. È l’eroe perdente, quello un po’ sfigato, per questo non avevo altra scelta che amarlo e farne in seguito protagonista di un mio fumetto (Luke, per G.I.U.D.A. edizioni).

Seguici sui social

48,846FansMi piace
1,387FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,137FollowerSegui

Ultimi articoli

adrian cowboy bebop

Il mash-up tra “Adrian” e “Cowboy Bebop”

Il graphic designer Davide Mezzacqui si è divertito a realizzare una parodia della sigla di Adrian facendo un mash-up con quella di Cowboy Bebop.
zuo ma canicola lungo i bordi

“Lungo i bordi”, il fantasy rurale di Zuo Ma

Il giovane fumettista cinese Zuo Ma torna in Italia con una nuova publicazione, dopo il graphic novel “Night Bus”, uscito per Bao Publishing nel 2018.
leiji matsumoto tarquin

Un nuovo fumetto dell’universo di Leiji Matsumoto (di autori francesi)

Leiji Matsumoto sta supervisionando un nuovo fumetto ambientato nell'universo di personaggi come "Capitan Harlock" o Maetel del "Galaxy Express 999".