Recensioni Novità Il porto proibito

Il porto proibito [Recensione]

Non sono riuscito a fermarmi: dopo la prima lettura, ho ripreso in mano Il porto proibito altre due volte. E ogni volta è stata un’esperienza nuova, più completa e allo stesso tempo diversa.

Leggi l’anteprima de Il porto proibito

il porto proibito turconi radice bao

Il porto proibito è un fumetto pieno di dettagli e richiami; un libro ricco di poesia e di musica, in cui puoi arrivare a sentire i violini e le canzoni dei marinai.

C’è L’Isola del Tesoro di Stevenson, c’è Master and Commander di Peter Weir, c’è Long John Silver di Bjorn Larsson; e c’è – soprattutto nei disegni – un richiamo a Tre Ombre di Cyril Pedrosa. Più di trecento pagine e una storia che si snoda sinuosa tra misteri e leggende.

I disegni Stefano Turconi, già autore Disney, sono attenti e particolareggiati: si riempiono di sfumature quando serve e sfilano veloci, come le navi inglesi, da una pagina a un’altra. I disegni a matita non sono stati inchiostrati: per questioni di tempo, innanzitutto; e poi per permettere a determinati passaggi – che potremmo definire di collegamento da un punto ad un altro della storia – di essere più veloci. Non scarni, ma volutamente semplici e funzionali al racconto.

il porto proibito turconi radice bao

È un libro dinamico, Il porto proibito. Che si fa leggere e sfogliare, che si fa gustare non solo per la storia ma pure – e per questo va fatto tanto di cappello all’editore BAO Publishing – per l’edizione. È una via di mezzo tra i vecchi romanzi inglesi di fine ‘800, quelli rilegati in pelle e stretti sul dorso, e i grossi tomi enciclopedici che ancora si stampano. Il lettering, soprattutto, è interessante e mai come stavolta calza a pennello con i toni del racconto: le parole non stancano, né a vederle né a leggerle; e tutto fila perfettamente, sulla scia delle intenzioni di Teresa Radice.

Non c’è un solo protagonista nella storia: ce sono tanti e tutti, alla fine, uniti tra di loro. C’è Abel, che farà da paciere tra le sorelle Stevenson e le aiuterà; c’è la bella Rebecca, lentiggini e curve, sorrisi e ammicchi, e ci sono le sue ragazze, prostitute di porto, un’espressione gentile sempre pronta per chi viene e chi va. E c’è Nathan, il capitano, l’ultimo tassello importante di una storia mosaica più grande.

Il porto proibito è un posto mistico: un posto che in pochi possono vedere, che si trova al largo delle coste inglesi e che fa da faro nella notte per i non-vivi e i non-morti: coloro che sono stati condannati a peregrinare per il mondo degli uomini finché non avranno adempiuto al loro compito, di cui però non sanno niente, né natura né scopo.

portop16

Il fumetto è reso appassionante dalla complessità della storia e dallo spessore dei personaggi; dalla cura di certi dettagli (i volti dei marinai, per esempio, ricordano volti già visti, volti che popolano altre storie e che rivivono una seconda volta, come quelli di Master and Commander). Non è stato scritto e disegnato per un pubblico preciso: ha diverse chiavi di lettura, quella più bambinesca per i più piccoli e quella più matura, più solida, per gli adulti. Proprio come, è il caso di ripeterlo, L’Isola del Tesoro di Stevenson.

Terraferma, porto, mare e di nuovo terraferma: vediamo i dock e vediamo le locande; sentiamo le storie e i racconti di chi è andato per mare. Rileggiamo i versi dei romantici inglesi, Colerdigde e Wordsworth, e finiamo per immergerci, mente e cuore, in un mondo che non esiste più: quello delle grandi avventure per mare, dell’Ammiraglio Nelson e della Marina di Sua Maestà. Il sole sulla faccia, il vento nei capelli e la forza delle braccia contro quella tremenda, mortale delle onde.

Il porto proibito
di Teresa Radice e Stefano Turconi
Bao Publishing, 2015
280 pag., 21,00 €

Seguici sui social

51,027FansMi piace
1,630FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,203FollowerSegui

Ultimi articoli

I supereroi americani in dipinti cinesi

L’illustratore cinese Jacky Tsai è autore di illustrazioni nella quali immagina i supereroi americani all’interno di dipinti tradizionali cinesi.

Le locandine immaginarie di “Millennium Actress” di Satoshi Kon

"Millennium Actress" raccontava di una attrice protagonista di film (immaginari) di cui Satoshi Kon aveva realizzato delle splendide locandine.
liefeld nuovo team

Rob Liefeld è al lavoro su un nuovo team di supereroi

Alcuni giorni fa Rob Liefeld ha postato su Instagram un paio di disegni che rappresentano un nuovo eroe e un gruppo di tre personaggi in costume.