Tutti i fumetti Tunué in anteprima a Lucca Comics 2015

In questo articolo sono raccolte tutte le novità editoriali che Tunué porterà in anteprima a Lucca Comics & Games 2015 (29 ottobre – 1 novembre).

Leggi anche: 10 fumetti da non perdere a Lucca Comics 2015

tunuelogo

Monster Allergy n. 30, di Katja Centomo, Francesco Artibani, Alessandro Barbucci e Barbara Canepa (€ 5,00). Il famoso “trentesimo episodio“, il vero finale mai realizzato, scritto e disegnato appositamente per Tunué dai quattro autori storici.

Monster Allergy Deluxe Edition vol. 1, di Katja Centomo, Francesco Artibani, Alessandro Barbucci e Barbara Canepa (€ 49,90). Contiene: descrizione della serie, prefazione, schede dei personaggi, episodi 1-15 e storie parallele.

• Timothy Top, di Gud (€ 16,90). Non è un bel periodo per Timothy. I genitori litigano di continuo e nella nuova scuola viene messo un po’ in disparte nonostante il suo carattere solare. Ma in una notte senza luna Timothy scopre che il suo pollice si illumina magicamente di verde e può guarire le piante! Da quel momento nulla può rimanere come prima. Riuscirà il nostro eroe a salvare il rapporto in bilico fra i suoi genitori? Otterrà finalmente la stima dei compagni di classe? E soprattutto, sarà in grado di allontanare il pericolo che incombe sul parco cittadino, minacciato dalle mire di cementificazione dell’imprenditore senza scrupoli Mr. Plumbee? Diventerà insomma anche Timothy un supereroe come i personaggi che tanto ama? Scopriamolo insieme nella nuova fatica di Gud, l’autore de La notte dei giocattoli, graphic novel scritto su testo teatrale di Dacia Maraini. Lasciamoci travolgere da questa dinamica storia appartenente alla collana Tunué dei Tipitondi, impariamo anche noi a “pensare verde“.

Atlas e Axis, di Pau (€ 16,90). La vita di Atlas e Axis è placida e tranquilla, finché un giorno l’irruzione da terre lontane di alcuni forestieri interrompe il lieto scorrere del tempo e costringe i due amici a partire per un grande viaggio attraverso luoghi ignoti e inospitali, durante il quale faranno la conoscenza di alleati e nemici. Vivranno forti emozioni e combatteranno epiche battaglie. Pau ha creato una saga fantasy avventurosa, popolata di animali antropomorfi caratterizzati in modo accattivante, che spicca per la sua narrazione coinvolgente e per il tratto plastico ed espressivo, in grado di richiamare alla mente quanto a morbidezza, pulizia e precisione grandissimi nomi del passato come Winsor McCay.

• Dammi la mano, di Simona Binni (€ 16,90). Jonathan e Maya sono due ragazzini che vanno in classe insieme. Entrambi provengono da contesti familiari difficili e a scuola sono spesso soggetti a richiami disciplinari, tanto che dopo una lite particolarmente accesa vengono convocati in presidenza. Il professor Dante ha in serbo per loro una punizione a dir poco inconsueta: puliranno e riverniceranno un vecchio aereo donato dal sindaco alla scuola. Ogni giorno, alle 17.00, dovranno incontrarsi fin quando il lavoro non sarà terminato. Dopo il successo di Amina e il vulcano, Simona Binni torna a incantare con la storia di due adolescenti divisi tra il desiderio di diventare adulti e la profonda ingenuità di chi è ancora bambino. Una storia che, con estremo candore, mostra come l’incontro con l’altro da noi spinga la solitudine a farsi più in là.

• Il ballo, di Nuno Duarte e Joana Afonso (€ 12,90). 1967. La dittatura conservatrice portoghese è in conflitto con la Santa Sede. La notizia dell’imminente arrivo di Papa Paolo VI a Cova da Ira, mette sull’attenti il Consiglio di Stato del Presidente Salazar, che vuole garantire una visita esemplare e senza incidenti. Parte dell’iniziativa consiste nel mettere a tacere o screditare alcune voci circa presunti fenomeni soprannaturali e attività pagane che si stanno diffondendo nel Paese. Questa la premessa da cui prende avvio Il ballo, un graphic novel in cui si incrociano e amalgamano le vite di un ispettore, di una strega e di un prete immersi in un mondo in cui la superstizione, l’invidia e i legami di sangue generano incubi deformi. Incubi che sembrano troppo reali perché ci si possa svegliare.

Il gioco dell’oca, di Stefano Munarini e Mauro Ferrero (€ 9,90). L’dea di farsi passare per fumettista era venuta a Jason – il protagonista del graphic novel della collana Tunué Le Ali – per sfuggire al grigiore della sua vita. Per un po’ è stato fantastico, tutto filava liscio, la sua finta carriera lo ha portato in giro per il mondo senza problemi: tanto, doveva solo firmare gli albi degli autori per i quali di volta in volta si spacciava. Finché una fan con cui ha avuto una conoscenza più “approfondita” non ha innescato una serie di eventi che lo hanno smascherato. In breve, tutto precipita e Jason si becca cinque anni di galera. È come un agnello in un branco di lupi, eppure per cavarsi di impaccio, un giorno, ritira fuori la storia del fumettista… Jason non lo sa ancora, ma già da un po’ è iniziato il suo sghembo cammino verso la maturazione, in questo romanzo di formazione davvero inusuale.

• I ricordi di Mamette vol. 2: La strada più lunga, di Nob (€ 14,90). Niente affatto facile la vita in campagna negli anni ’30, soprattutto per una bambina di otto anni cresciuta in città e lasciata dai genitori in affidamento ai nonni. Ma fortunatamente la piccola Mamette è molto più forte di quanto non sembri e, dopo un primo periodo di adattamento, per lei arriva l’ora di andare alla scuola comunale e di fare nuovi incontri. Dopo il successo del primo volume, I ricordi di Mamette torna a farci sorridere con la sua galleria di personaggi colorati. Personaggi che affrontano i piccoli ostacoli della quotidianità, che sbuffano, si fanno coraggio e scoprono passo passo come la vita non sia poi tanto male.

• ‘O Malamente, di Lorenzo Bartoli e Luca Bertelè (€ 18,00). In questo volume, per la prima volta, sono raccolte tutte le storie riscansionate dagli originali, di Lorenzo Bartoli e Luca Bertelè, pubblicate a fine anni Novanta per l’Eura Editoriale, in volume unico impreziosito dalla copertina di Paolo Bacilieri. Le storie de ‘O Malamente si inseriscono in un progetto nato nel 1997 quando Lorenzo Bartoli, forte dei consensi ottenuti grazie alle storie realizzate in coppia con Massimo Carnevale sulle pagine di Lanciostory e Skorpio decide, in coppia con Roberto Recchioni, di riportare gli autori italiani sulle pagine di questi due storici settimanali. I due danno vita a un universo narrativo che gira intorno a una ipotetica Napoli del futuro. I ricavi del volume saranno devoluti alla famiglia di Lorenzo Bartoli, sceneggiatore romano scomparso nell’ottobre 2014. Il volume appartenente alla collana Tunué Prospero’s Books, nasce ad una campagna di crowdfunding. ‘O Malamente è un criminale, un caporione, un boss di quartiere. I suoi piani sono bislacchi e spesso di poco conto. Le sue vendette scaturiscono quasi sempre da discussioni da bar, in uno scenario – Napoli – che non differisce dalla realtà di oggi.