Vignettista iraniana costretta al test di verginità e gravidanza

Alcuni mesi fa, la vignettista attivista iraniana Atena Farghadani era finita a processo per aver realizzato una vignetta che criticava il governo sul tema della contraccezione, ritraendo politici con l’aspetto di animali (che potete vedere a QUESTO LINK).

La giovane è stata condannata a 13 anni di prigione. Duole riportare che la sua gogna giuridica non si è ancora interrotta. La Farghadani è recentemente finita a processo per “relazioni non adultere illegittime” per aver stretto la mano al suo avvocato (i contatti tra sessi diversi sono vietati in Iran, ma perseguiti solo raramente); inoltre, Amnesty International riporta che in agosto la donna sarebbe stata costretta al test di verginità e di gravitanza. La Farghadani rischia una pena fino a 99 frustate. Per seguire le vicende dalle donna e le relative iniziative di sensibilizzazione, è attivo su Twitter l’hashtag #freeatena.

atena