Sei donne aggiunte alle nomination per il Grand Prix di Angoulême 2016

UPDATE

***

L’organizzazione del festival della Bédé di Angoulême 2016, a seguito delle polemiche e delle proteste delle ultime ore per l’assenza di donne nelle nomination per il Grand Prix, ha appena provveduto a inserire nella lista sei fumettiste.

Secondo quanto riportato da Huffington Post i nomi aggiunti ai 30 già in lizza: sono i seguenti: Lynda Barry, Julie Doucet, Moto Hagio, Chantal Montellier, Marjane Satrapi e Posy Simmonds.

Leggi anche: Angoulême 2016 e la (doppia) lezione sul sessismo del Grand Prix

grandprixdonne

  • giakobino

    ora la domanda vera è: se non dovesse vincere una donna? nuova tempesta social finchè non venga cambiato il vincitore? e se invece dovesse vincere una di queste 6, sarebbe una vera vittoria o lo zuccherino per le femminucce sennò frignano? ai posteri l’ardua sentenza

  • a sto punto tutte e 6 dovrebbero rifiutare la candidatura

  • WOFF

    Mi urta pensare che certi disegnatori pretendano di ricevere altri premi oltre il tempo che il lettore dedica alle loro opere.
    Che senso ha tutto questo?

  • Alex Citton

    Non sono i disegnatori a pretendere i premi, ma secondo me é giusto che ci siano dei riconoscimenti per il loro lavoro….

  • Polipo De Polipi

    il punto non è tanto la vittoria
    che dato l’alto numero di votanti è facilmente realizzabile
    ma il fatto che a monte nessuna donna fumettista sia stata inclusa nei primi 30 candidati che (come spiegheranno su fumettologica) sono scelti dagli organizzatori del festival

  • giakobino

    Mi cascano le braccia…

  • Polipo De Polipi

    ok
    giusto per capire
    per te è normale che un festival internazionale (almeno è quella la direzione in cui sono diretti) abbia un premio alla carriera che non prenda in considerazione donne

  • giakobino

    per te è normale valutare un autore sulla base del suo sesso? oppure stai cercando di sostenere che siccome il 12% degli autori di fumetto francesi è di sesso femminile allora dovrebbe esserci un 12% rappresentato nella rosa? la questione è seria. questa è una farsa

  • Polipo De Polipi

    – il premio è alla carriera
    – non è riservato al fumetto franco belga da un po’

    che nella lista dei trenta non siano presenti donne è offensivo alla storia del fumetto
    che è stata fatta da uomini, in maggioranza, ma anche da donne
    questo è quanto

    pensare ad un discorso quote rosa vuol dire non conoscere il premio o la storia del fumetto

  • giakobino

    caschi male invece, perché la storia la conosco, e anche bene. se il premio è alla carriera ti assicuro che nella totalità degli autori mondiali i maschi battono le femmine mille a uno. che non ci sia una donna in una lista di 30 (comunque francocentrica) non è uno scandalo manco per niente. tra i tre selezionatori della lista, una era una donna, passatela per le armi

  • Polipo De Polipi

    mille ad uno? ma davvero? quindi prendendo solo takahashi satrapi nocenti nidasio tu mi sapresti elencare quattromila autori (viventi eh) degni di ricevere il premio alla carriera?

    anzi facciamola ancora più semplice
    franco belga per franco belga

    mille autori franco belgi per una satrapi
    aspetto la lista

  • giakobino

    che permalosità

  • Pingback: Angoulême esclude le fumettiste dal suo Grand Prix. Poi ci ripensa | daomag.it.4.1.stg.daosquare.com()