9 originali sfiziosi alla 40ª asta Little Nemo

Primavera inoltrata, tempo di aste. Le due principali case d’asta italiane specializzate in fumetto, infatti, hanno in programma in queste settimane delle nuove sessioni, dopo i ‘ricchi’ – in termini di pezzi offerti  – appuntamenti dello scorso autunno. Mentre l’asta organizzata da Urania Casa d’Aste è fissata per il prossimo 30 Aprile, a Torino, quella organizzata da Little Nemo Art Gallery è ai nastri di partenza: si svolgerà domani 15 aprile, anch’essa a Torino.

In entrambe i casi, i partecipanti non saranno costretti a recarsi nella sede fisica dell’asta. Basta iscriversi alla piattaforma online Liveauctioneers, che i due competitor utilizzano da qualche tempo come alternativa alla ormai ‘generalista’ eBay.

La 40esima asta organizzata dalla galleria Little Nemo si intitola “Pittori di carta”, ed è una miscellanea che offre una selezione di 103 disegni o tavole originali sia di fumettisti che di illustratori, al solito con particolare attenzione al periodo fra anni Trenta e Sessanta. Fra gli autori si possono trovare Ferenc Pintèr, Antonio Rubino, Filiberto Scarpelli, Karel Thole, Dino Battaglia, Sidney Jordan, Jack Kirby, Enki Bilal, Bill Sienkiewicz, Gipi, Andrea Pazienza, Magnus, Guido Crepax, Romano Scarpa, Attilio Micheluzzi, Leo Ortolani… Sfogliando il catalogo, abbiamo scelto qualche opera da segnalarvi. Non necessariamente i lotti più ‘pregiati’: pezzacci storici o sfiziosi, alcune chicche, qualche sano guilty pleasure e parecchi disegni semplicemente di classe, o curiosi. Roba buona per collezionisti golosi, insomma.

***

bilal tavole originali

Enki Bilal, illustrazione da Animal’z. Base d’asta: € 6.000
Il pezzo forte di questa 40esima asta Little Nemo è una illustrazione di Bilal dal suo Animal’z (2009). Certo, non parliamo né di una tavola né di una tela. Ma per l’autore vivente più costoso alle aste di fumetto, che nel 2007 toccò i 177.000€ per una tavola di Bleu sang, 6000 euro sono una base ragionevole.

toppi tavole originali

Sergio Toppi, Omaggio a Moebius. Base d’asta: € 1.600
Toppi non si legge, si guarda. A lungo. Ipnotizzati da quei tratteggi fitti in cui è facile perdersi, e da quel bianco abbacinante che si porta via lo sguardo. Come in questo caso che, però, è anche un po’ speciale: una illustrazione realizzata come omaggio a Moebius. Un disegno in cui Toppi resta Toppi, ma grazie a piccole macchie di colori forti e piatti, e a una linea sottile ed eterea, costruisce una autentica suggestione moebiusiana.

jack kirby tavole originali

Jack Kirbytavola 3 da Machine Man #8. Base d’asta: € 2.800
Machine Man fu un personaggio secondario creato da Jack Kirby nella ormai dimenticata serie ispirata a 2001: Odissea nello spazio che la Marvel pubblicò nel 1976/1977. Si trattava di un robot-soldato senziente, tanto umano quanto – diciamocelo – kitsch. Ma erano anni di androidi, e si guadagnò una serie eponima, realizzata da Kirby per qualche numero. Giusto il tempo di interrogarsi, a modo suo, sull’Intelligenza Artificiale. Facendone anche, in questa tavola, un memorabile fuggitivo.

altan tavole originali

Altan, vignetta ‘La faccio finita’. Base d’asta: € 150

Un disegnino di Altan, detto anche IL GENIO [prima volta che Fumettologica usa questo attributo, NdR], resta un disegnino. Poco spettacolo, tutta sostanza. In fondo, non è che una battuta fulminante fra le tante. Vero. Ma quella presente qui è una battuta lancinante, ‘definitiva’ come talvolta – spesso, ma non sempre – riesce al grande autore satirico italiano.

gene colan daredevil tavole originali

Gene Colan, tavola 3 da Daredevil #67: Stilt-Man Stalks the Soundstage. Base d’asta: € 1.300
C’è stato un tempo in cui Daredevil era ben lontano dal personaggio tetro e cupo dello show di Netflix, tutto scazzottate con ninja letali e dolore in una New York mai illuminata da sole. Nel 1970, fra un viaggio a Hollywood e una zuffa con Stilt-Man, poteva finanche capitare – come in questa tavola – che Matt facesse addirittura dell’auto-ironia, definendosi un Perry Mason dei poveri, per poi sognare un futuro da star del cinema come Burt Lancaster (o W. C. Fields, se proprio va male). A questo va aggiunto il piacere di osservare il Daredevil volteggiante di Gene Colan che – come scritto da Andrea Antonazzo – era noto tra i disegnatori della sua generazione “per la fluidità dei corpi rappresentati , che sotto il suo tratto espressionista si contorcevano innaturalmente, al fine di produrre un’idea di potenza pari a quella fornita dai disegni di Jack Kirby.”

pinter tavole originali

Ferenc Pintèr, L’Ultima Cena. Base d’asta: € 3.300
Un Rubens, un Salvador Dalì, un Tiziano, un Tintoretto o un altro qualsiasi dei numerosi artisti che nel corso degli anni si sono confrontati col tema dell’ultima cena di Gesù potrebbero non essere esattamente alla portata delle vostre tasche. Una follia ben più ragionevole sono quei 3300 (o magari anche 6000) euro di base d’asta per questa “pittura grafica” di Ferenc Pintèr. Che resta un illustratore di gran razza.

torpedo bernet tavole originali

Jordi Bernet, Torpedo & Chiara di Notte. Base d’asta: € 1.200
L’incontro fra due dei personaggi più amati di Jordi Bernet, anche se soltanto per lo spazio di una singola illustrazione. Lei è Chiara di Notte, la prostituta protagonista dell’omonima striscia umoristico-erotica scritta da Carlos Trillo e pubblicata sul settimanale El Jueves (appuntamento fisso, in Italia, sulle pagine di Skorpio). Lui è Luca Torelli alias Torpedo, il gangster protagonista della serie crime/noir creata nel 1981 da Enrique Sànchez Abulì e Alex Toth.

andy capp

Reg Smythestriscia da Andy Capp. Base d’asta: € 150
Niente moglie col mattarello sull’uscio né sbronza triste – almeno a questo giro – per Andy Capp. Anzi, si profila una vittoria: ha offerto da bere alla signora, ed è pronto a sedersi al suo fianco. Potere di un portafoglio gonfio di carta, a quanto pare. Peccato che la maggior parte di quella carta siano ingiunzioni di pagamento, commenta smaliziato il barista. Applausi.

eva kant zaniboni diabolik tavole originali

Sergio ZaniboniIncantevole Eva. Base d’asta: € 5.400

Ritenete che Eva Kant sia non solo un piacevole personaggio, ma una vera e propria icona femminile? La risposta, in questo caso, è una sola: Sergio Zaniboni. Se avete messo da parte almeno 5000€ (e siete pronti a spenderne anche il doppio) può essere che questa Eva dipinta in acrilico, realizzata per i 50 anni di Diabolik, torni a casa con voi.