Il regista di “Suicide Squad” risponde alle critiche sul film

Il regista David Ayer ha commentato via Twitter le critiche negative su “Suicide Squad” con una citazione di Emiliano Zapata, il rivoluzionario messicano:

«Preferisco morire in piedi, che vivere in ginocchio». Una frase neanche tanto criptica, con cui Ayer intende dire di essere contento e sicuro della riuscita del film. Cosa che sottolinea in un tweet successivo:

«La citazione di Zapata è il mio modo per dire che amo il film e credo in esso. L’ho fatto per i fan. È stata la migliore esperienza della mia vita», con tanto di emoji a forma di cuore. Insomma Ayer ama il film e non lo cambierebbe neanche potesse tornare in dietro. Tutto sommato, nonostante i giudizi davvero negativi della critica americana – qualcuno ha definito la pellicola “la narrazione più confusa dell’anno” – per il momento Ayer sembra averla presa piuttosto sportivamente.

Leggi anche: I fan di “Suicide Squad” vogliono far chiudere Rotten Tomatoes