Focus Interviste Il festival della bd di Losanna: intervista al direttore

Il festival della bd di Losanna: intervista al direttore

A poche ore di treno dall’Italia (appena più di tre da Milano), a Losanna, nel Cantone Vaud – a lingua francese – si tiene uno dei festival di fumetto più interessanti di tutta Europa.

L’edizione di quest’anno si tiene dal 15 al 19 settembre, con mostre e incontri in varie location della città (tra gallerie e negozi), ma soprattutto nella centrale e accogliente Place de la Riponne.

Il BD Fil, forte del bacino di produzioni francofone, conta ogni anno un parco ospiti molto interessante, e mostre ottimamente curate. Per il pubblico – ancor più che per gli addetti ai lavori – è una occasione interessante per godere di quanto di meglio ha da offrire la bande dessinée, evitando le difficoltà che comporta frequentare Angoulême (dove non è semplice prenotare un posto dove alloggiare).

BD Fil offre un’ampia partecipazione di autori francesi (quest’anno contano anche l’italiano Paolo Bacilieri), mostre splendidamente allestite (quella dedicata a Blutch lo scorso anno era memorabile) e una gamma di incontri non troppo ampia, ma di sicuro interesse, oltre a serate divertenti (l’anno scorso un concerto del fumettista e cantautore Jeffrey Lewis e una performance live di disegnatori svizzeri).

Quest’anno sono molte le mostre, tra le quali una retrospettiva su Derib (ospite d’onore e autore del manifesto), il mondo di Hergé, la storia della rivista Strapazin, la psichedelia del “flower power” e molto altro (QUI si possono consultare tutte).

Abbiamo scambiato qualche parola col direttore Dominique Radrizzani, per capire meglio come lavora il festival.

bdfil 2016


Negli ultimi due anni è cambiata la direzione del festival. Quali sono le novità che avete voluto apportare?

In breve, io ho un passato da storico dell’arte (ex-direttore del Musée Jenisch e curatore di mostre internazionali) che inevitabilmente si riflette sulla programmazione.

Le novità riguardano una coscienza del patrimonio (ma non retrograda), combinata a una curiosità prospettica; la creazione di una rivista annuale, la Revue Bédéphile (di ben 250 pagine), che ho inaugurato l’anno scorso e che già è diventata un riferimento nel settore; e inoltre, un’apertura maggiore sul piano internazionale (alleggerendo sull’asse franco-belga prevalente in precedenza), m’interessano moltissimo i manga per esempio, l’Italia, la Spagna, la Turchia, gli Stati Uniti, ecc.

Ho notato che una certa attenzione per il fumetto italiano comincia a esserci (Paolo Bacilieri ospite quest’anno), è così? Del resto il nostro pubblico è molto vicino.

Questo a che fare con l’idea di superare i limiti di lingua per difendere l’universalità del linguaggio fumettistico. In effetti, tra una decina di paesi, l’Italia partecipa (con Paolo Bacilieri e anche Francesco Cattani) quest’anno al progetto commissionato di realizzare una tavola ispirata a Sogni di un divoratore di crostini di Winsor McCay. Avevo anche invitato (senza successo, purtroppo) anche Vittorio Giardino, che è esperto di McCay… Sono italiano e adoro il fumetto italiano: Guido Crepax, Guido Buzzelli, Magnus, Franco Matticchio, Massimo Mattioli (un genio), Antonio Rubino, Francesco Tullio Altan, Roberto Baldazzini. Ma anche Romano Scarpa… o Walter Molino, Onofrio Bramante… Ero vicino a Hugo Pratt durante il periodo svizzero, a Milo Manara quando, negli anni 80, Rolf Kesselring (della libreria “La Marge” a Losanna) lo pubblicava e lo faceva venire a Losanna. E m’interesso sempre alla scena italiana più attuale: Bacilieri, Vincenzo Filosa, Giacomo Nanni, Manuele Fior, Marino Neri, arrossirebbero se sapessero quanto li stimo.

Con quali criteri lavorate alla selezione e organizzazione delle mostre? L’anno scorso ho notato un’alta qualità nella scelta delle opere e un ottimo allestimento.

Punto ad artisti, soggetti nei quali io credo. Una buona alchimia di “nona arte e di arte nova”. Per l’amministrazione, sono aiutato da perle rare (Sandrine Pralong e Valentine Loup). Per la scenografia, ho assunto l’anno scorso Gazus Gagnebin, un mago preso dal mondo del teatro, con cui ho una stretta collaborazione e che fa dei miracoli. Senza dimenticare le legioni di volontari che sono l’anima stessa del festival.

Il vostro è un ottimo esempio di festival inserito nel tessuto della città. l’italiano BilBOlbul lavora in modo simile, e prima di lui Lucerna. Con quali realtà collaborate?

Angoulême, Bastia o Fumetto sono amici, ciascuno con una identità propria. A Losanna partecipano gallerie e musei. Mi prometto di scoprire prossimamente BilBOlbul.

Seguici sui social

51,256FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,254FollowerSegui

Ultimi articoli

daisuke tajima mecha design

I mostruosi e spettacolari mecha design di Daisuke Tajima

Daisuke Tajima è autore di illustrazioni che immaginano mecha design estremamente complessi, tanto affascinanti quanto inquietanti.
Kit Harington cavaliere nero eternals marvel

Kit Harington interpreterà il Cavaliere Nero nel film Marvel sugli Eterni

Kit Harington, noto per aver interpretato il ruolo di Jon Snow nella serie tv Il trono di spade, vestirà i panni del Cavaliere Nero nel film The Eternals.
trailer mandalorian star wars

Il trailer della serie tv “The Mandalorian”

Disney ha presentato il trailer di The Mandalorian, nuova serie tv spin off dell'universo narrativo di Star Wars che debutterà su Disney+.