Un po’ di pagine dalle prime storie di Mercurio Loi

Dopo averne annunciato il copertinista, ora Sergio Bonelli Editore presenta un po’ di pagine in anteprima dei primi numeri di Mercurio Loi, nuova serie mensile sceneggiata da Alessandro Bilotta che esordirà in edicola e fumetteria ad aprile.

Leggi anche: Il debutto di Mercurio Loi, fra romanzo storico e thriller filosofico

Gli autori delle tavole mostrate – tratte dalle prime storie – sono Matteo Mosca (già autore dell'”episodio pilota” della serie), Giampiero Casertano (veterano di Dylan Dog) e Andra Borgioli (visto negli ultimi anni su Jan Dix e Lukas).

Per anticipare la serie, a marzo verrà riproposto in fumetteria il racconto con il quale il personaggio aveva esordito a gennaio 2015 sulle pagine della collana Le Storie (QUI da noi recensito), in una nuova versione a colori e cartonata.

Di seguito, la presentazione del personaggio scritta dal suo creatore:

Per chi abita a Roma nel 1826, Mercurio Loi è solo un professore di storia dell’università, molto colto e intelligente, forse un po’ dandy e perdigiorno, sempre sorridente. Lo si vede passeggiare di frequente per le stradine intricate e affollate, lungo il Tevere ancora senza argini, spesso insieme al suo invidiato assistente Ottone, un ragazzo sempre scuro in volto, tenebroso, in odore di Carboneria.

Quello che pochi sanno è che l’eccentrico professore probabilmente sta seguendo una pista, ficcando il naso in qualche strana faccenda, coltivando un sospetto, e quasi di sicuro ha trascinato con sé il perplesso assistente. Soprattutto la notte, ignorando il coprifuoco imposto dal papa, Mercurio Loi indossa il mantello e scende per le strade dedicandosi a ciò che più lo interessa, che sono le sfide di intelligenza, siano esse lanciate dall’acerrimo nemico Tarcisio Spada, da qualche misterioso individuo che salta per i tetti in maschera e mantello, o anche da un cuoco che lo fa misurare con la ricerca di indecifrabili ingredienti di una ricetta segreta.