La parodia di Corto Maltese su Topolino

Topolino festeggia i 50 anni dalla nascita di Corto Maltese con una parodia di Una ballata del mare salato, la prima storia del marinaio creato da Hugo Pratt. La storia, intitolata Topo Maltese, una ballata del topo salato, è scritta da Bruno Enna e disegnata da Giorgio Cavazzano e verrà pubblicata su Topolino n. 3197 in distribuzione a marzo.

A seguire alcune bozze a matita delle tavole di Cavazzano, mostrate nel catalogo Anteprima:

topo maltese topolino cavazzano

topo maltese topolino cavazzano

Per l’occasione verrà realizzata anche un’edizione con variant cover a tiratura limitata, disegnata da Giorgio Cavazzano e proposta al prezzo di 6,00 euro, che sarà presentata in anteprima a Milano durante Cartoomics, dal 3 al 5 marzo. Di seguito una bozza della copertina alternativa, sempre dalle pagine di Anteprima:

topo maltese topolino cavazzano

Leggi anche: Il metodo del maestro. Intervista a Giorgio Cavazzano

  • giakobino

    Qual è la distanza che separa il plagio dalla parodia?

  • fra

    quando il riferimento all’opera originale non è nascosto come si può parlare di plagio? che poi più che parodia secondo me lo si può definire omaggio

  • giakobino

    Gli «omaggi» sono un’invenzione del fumetto italiano. All’estero li chiamano plagi. Un’opera di satira è un conto, ma un «remake» con i topi, che di questo si tratta, necessita di autorizzazione legale.
    Comunque fosse per me non ci sarebbero questi problemi, ma mi sorprende l’iniziativa Panini / Disney considerando quante cause ci sono per questo genere di operazioni.

  • fra

    scusa ma parli come se non conoscessi per nulla topolino, come se questa fosse la prima storia che riprende un romanzo/fumetto/film famoso.
    it.paperpedia.wikia.com/ wiki/Parodie_Disney
    qua ci sono tutte, comprese quelle su alcuni personaggi bonelli e film usciti pochi anni prima della storia disney.

  • Pingback: La parodia di Corto Maltese su Topolino | Fumettologica – nikkor.lino.press()

  • giakobino

    Tu invece parli come se non sapessi cosa sta succedendo con il controllo delle property e l’estensione in Europa delle medesime leggi che negli Stati Uniti tutelano marchi e proprietà intellettuali. Quelli che nel fumetto italiano si chiamano «omaggi» negli Stati Uniti ti portano in Tribunale. Sta accadendo anche in Europa quindi mi sorprende una storia di questo genere. Poi magari hanno avuto semaforo verde dalla Cong, tutto può essere.

  • Claudio Giusti

    Tremo all’idea di vederlo. Le parodie degli anni 50-60 erano ben altra cosa. Altri tempi, altri autori, altri lettori …

  • tyreal

    Già l’anteprima delle tavole mi fa desiderare di avere il numero finito tra le mani! Grandissimi!

  • Andrea Pacini

    L’operazione è stata fatta in collaborazione con Patrizia Zanotti, curatrice dei diritti dell’opera di Pratt.

  • Davide Occhicone

    Vabeh ma perché umiliare un hater…

  • Chris John Smith

    Anche no. Negli ultimi 10 anni, con la direzione De Poli e la cura delle testate da parte della Panini il Topolino sta oggettivamente vivendo un vero e proprio periodo d’oro, con il ritorno e la valorizzazione di tutti i migliori autori che potesse avere a disposizione. A parte che il target d’età è stato leggermente alzato, quasi tutte le parodie (e non solo) dell’ultimo periodo hanno avuto il plauso universale di critica e pubblico, e quasi tutte hanno finito per meritare un’edizione a sè stante. Se il Topolino lo leggessimo invece di pensare a quello degli anni ’60 ci divertiremmo tutti sicuramente di più

  • Claudio Giusti

    Come dicevo, altri tempi e altri lettori.

  • Chris John Smith

    Sai dire anche cose non vergognosamente banali?

  • Claudio Giusti

    Vede, l’importante è che le odierne storie disneyane, a volte vergognosamente banali, piacciano a Lei e a chi le compra. Da parte mia rimpiango le bellissime storie della mia lontana infanzia. Storie divertenti, ben costruite, ben sceneggiate e non banali. Chi ci legge potrà facilmente confrontarle con quelle di oggi e trarne le dovute conseguenze. Come dicevo un altro mondo.

  • giakobino

    Il caso è chiuso

  • Andrea Pacini

    Sarebbe bastato informarsi prima di sparare accuse di plagio, comunque.

  • giakobino

    concordo, ma non c’erano i legali nelle stanze dei bottoni

  • giakobino

    Sarai anche Occhione, ma anzichè insultare gli altri, cosa che non mi sono mai permesso di fare, ringrazia semplicemente Pacini che ha risposto puntualmente.

  • Claudio Giusti

    Le storie parodiate erano, come quelle del Quartetto Cetra, abbondantemente fuori copyright. Diverso è utilizzare qualcosa ancora sotto tutela.

  • giakobino

    i commenti servono per commentare

  • Andrea Pacini

    Non a sproposito però.

  • giakobino

    Che Patrizia Zanotti avesse collaborato o quanto meno dato il suo assenso non c’è scritto nel pezzo.