Marvel racconterà l’origine del suo universo con una nuova formazione degli Avengers

Marvel Comics ha cominciato a diffondere qualche dettaglio sui contenuti del prossimo rilancio editoriale Marvel Legacy che avverrà questo autunno. Al momento sappiamo che al centro dell’iniziativa ci saranno nuovi cicli di storie e, soprattutto, il ritorno alla numerazione originale di diverse testate, che annullerà le recenti (e innumerevoli) ripartenze da uno.

Lo scorso aprile, l’Editor-in-Chief Axel Alonso aveva dichiarato che Legacy coinvolgerà la maggior parte dei personaggi dell’universo narrativo Marvel, facendo definitivamente convivere i personaggi “vecchi” con i “nuovi”, da Spider-Man a Squirrel Girl, da America Chavez a Iron Man, da Capitan America a Ironheart, riportando in vita alcuni eroi che mancavano da tempo.

marvel legacy avengers

Tutto avrà inizio a settembre con un numero speciale di cinquanta pagine intitolato proprio Marvel Legacy, scritto da Jason Aaron (Doctor Strange, Thor, Southern Bastards) e disegnato da Esad Ribic (Secret Wars, Thor), che per l’occasione avrà una copertina a quattro ante disegnata da Joe Quesada.

Ora Marvel Comics, in un comunicato stampa, ha anticipato che lo speciale sarà ambientato nel passato e sarà incentrato su una “nuova” formazione degli Avengers. Questo nuovo gruppo di Vendicatori si chiamerà Avengers dell’anno 1.000.000 a.C. e sarà composto da Odino, Iron Fist, Star Brand, Ghost Rider, Fenice, Agamotto e Pantera Nera, gli antenati dei personaggi che conosciamo oggi.

Nel comunicato non vengono dati ulteriori dettagli sulla trama, ma si legge che gli Avengers dell’anno 1.000.000 a.C. sono la «prima» formazione di supereroi Marvel e che la storia racconterà le origini dell’universo narrativo della casa editrice.

Marvel Legacy nasce dal discusso crossover Generations, previsto per questa estate, e la storia sarà direttamente collegata a Secret Empire, evento ora in corso di pubblicazione.

  • Paolo Ciaravino

    No comment!

  • Andrea Marino

    meh

  • GabryMancio

    Ma che ca…?

  • Paolo Ciaravino

    Esattamente! 😀