Radar. 8 fumetti da non perdere usciti questa settimana

Planetary Deluxe vol. 1 (RW-Lion). Tra i più influenti fumetti americani del nuovo millennio, Planetary è un viaggio meta-narrativo intorno al mondo e all’interno della cultura popolare del Novecento, attraverso le vicende avventurose e di stampo fantascientifico di Elijah Snow (un metaumano nato il primo gennaio del 1900) e dei suoi compagni Jakita Wagner e Drummer. Insieme a The Authority, questa serie (che sarà riproposta integralmente in tre volumi) rivelò in modo definitivo la bravura dello sceneggiatore britannico Warren Ellis e del disegnatore John Cassaday.

planetary lion comics

Speciale le Storie #4 – Lavennder (Bonelli). Il primo fumetto di Giacomo Bevilacqua, l’autore di A Panda piace, per Sergio Bonelli Editore. È un horror che racconta le vicende di una giovane coppia in vacanza su un’isola deserta. Davide Scagni, sulle nostre pagine, ne ha parlato molto bene.

Arabo del futuro vol. 2 (Rizzoli Lizard). Torna, con il secondo capitolo, l’opera autobiografica del francese Riad Sattouf, bestseller in patria, che unisce riflessione politica e splendida analisi generazionale su un mondo che cambia. Prosegue il racconto dell’infanzia del piccolo Riad nella Libia di Gheddafi e nella Siria di Hafez al-Assad. Al seguito di un padre, professore di Storia e ossessionato dalla politica panarabista, Sattouf racconta la sua educazione a contatto con il culto dei dittatori arabi e della dura vita nella provincia siriana.

L’età della convivenza vol. 2 (J-Pop). Secondo volume (di tre) di un grande classico del gekiga firmato Kazuo Kamimura, che in Italia abbiamo imparato ad apprezzare grazie alle recenti edizioni J-Pop di opere come Lady Snowblood e Una gru infreddolità. «Pubblicato originariamente nei primi anni Settanta sulla rivista Weekly Manga ActionL’età della convivenza consacrò Kamimura, rendendolo la voce di un’intera generazione», scrive Tonio Troiani nella recensione del primo volume. «Il manga racconta di una coppia di giovani innamorati, Kyōko e Jirō, la cui decisione di convivere senza sposarsi diventò un elemento di identificazione per i giovani lettori della rivista. Le vicende dei due amanti diventano un riflesso dell’emancipazione delle nuove generazioni da secoli di tradizioni e abitudini che il contatto con l’Occidente sta lentamente dissolvendo. Kamimura è attento a come il costume si evolve e a quelle zone di ristagno e di resistenza (anche e soprattutto emotiva) in cui si sedimentano passato e tradizione.» Un grande recupero, tra le nostre letture estive preferite.

Dragonero #50 – La vendetta e Speciale Dragonero n. 4 (Bonelli). Dragonero taglia il ragguardevole traguardo dei 50 numeri e festeggia con un albo speciale interamente a colori, scritto da Stefano Vietti, disegnato da Francesco Rizzato e colorato da Giada Marchisio e Paolo Francescutto. Inoltre, esce anche lo speciale annuale, sempre a colori, scritto da Luca Enoch e disegnato da un Alessandro Bignamini in gran forma, come si può vedere dalle pagine in anteprima sul sito dell’editore. Entrambi gli albi potrebbero essere un buon punto di partenza per avvicinarsi alla serie.

Killing Stalking vol. 1 (J-Pop). Arriva in Italia, con quello che l’editore annuncia come la prima raccolta cartacea a livello internazionale, questo titolo coreano originariamente pubblicato online. Realizzato dall’autrice Koogi, racconta di un incontro casuale tra due ragazzi che dà vita a un rapporto ossessivo in cui i ruoli di vittima e carnefice si confondono. J-Pop lo presenta come «un racconto capace di unire le atmosfere claustrofobiche di “Misery non deve morire” a elementi psicologici e thriller, con sfumature yaoi». Qui ci sono le prime pagine in anteprima.

Dall’estero:

darrow pencil art Lead Poisoning

Lead Poisoning: The Pencil Art of Geof Darrow (Dark Horse). Non un fumetto, ma un artbook, che comunque merita una menzione. Si tratta di una raccolta di disegni a matita di Geof Darrow, disegnatore dall’incredibile talento, ben noto per le sue illustrazioni dettagliatissime, meticolose e piene zeppe di particolari. Tra i suoi fumetti ricordiamo Shaolin Cowboy e i lavori sui testi di Frank Miller: Hard Boiled e Big Guy and Rusty the Boy Robot. Da sfogliare e risfogliare anche solo per rifarsi gli occhi. Qui alcune pagine in anteprima.

Leggi anche: I fumetti che leggeremo questa estate 2017