Rubriche Opinioni Netflix diventerà (anche) un editore di fumetti?

Netflix diventerà (anche) un editore di fumetti?

Quando ad agosto Netflix ha annunciato di aver acquisito Millarworld, il multiverso narrativo – o fabbrica di franchising – creato da Mark Millar, la portata dell’operazione non era del tutto chiara. La notizia sembrava piuttosto standard: il principale servizio mondiale di streaming legale stava “solo” acquistando un tot di property con cui potenziare la propria offerta futura di super-film e super-serie.

netflixlogo

A sciogliere i dubbi e tratteggiare il vero scenario ci ha pensato la scorsa settimana lo stesso Millar. In un’intervista con il webmagazine americano ComicBook.com lo sceneggiatore scozzese ha spiegato di avere ceduto tutti i diritti delle sue opere, passate e future (a parte quelle già oggetto di contratti a lungo termine con le major hollywoodiane, come Kick-Ass e Kingsman). E ha aggiunto un dettaglio sorprendente: Netflix non solo svilupperà progetti di serie o film dal Millarverse, ma ne pubblicherà i fumetti. Ripeto, per gli increduli (me incluso): Netflix pubblicherà fumetti.

Tra le creazioni oggetto dell’acquisizione, figurano per esempio Nemesis e Superior, serie a fumetti pubblicate dall’etichetta Icon di Marvel Comics, e Starlight, uscito per Image Comics, i cui destini editoriali non saranno dunque più legati ai loro vecchi editori. Ma il passaggio chiave delle parole di Millar è quello in cui ha riferito di essere al lavoro nella scrittura di storie «direttamente per Netflix, che possano essere usate per film o serie tv, ma alcune di loro diventeranno anche fumetti, sfruttando le stesse storie e le bibbie grafiche». I diritti di queste, ha specificato, non saranno suoi.

A conti fatti, Millar è ora un dipendente di Netflix, pur se in qualità di CEO di Millarword, sussidiaria di Netflix, incarico che condivide con la moglie Lucy. Come da lui stesso affermato, ora Millar è «parte dello staff, e tutto questo verrà realizzato all’interno dell’azienda». La quantità di titoli previsti è di circa 20 serie (probabilmente mini) mensili o quattro volumi all’anno.

mark millar

Il rovescio della medaglia, non espressamente dichiarato, è che Netflix ha compiuto una mossa strategica importante: prodursi in casa dei franchising di supereroi (ma non solo) anziché andare a comprarli all’esterno. Una decisione rilevante, soprattutto dopo avere perso il catalogo di prodotti Disney (quindi anche Marvel e Star Wars), che dal 2019 dovrebbe finire tagliato fuori dalla piattaforma per entrare nel nascituro servizio di streaming made in Disney. Ma, lasciando tutti abbastanza di stucco, dalle parole di Millar sembra evidente che Netflix si dedicherà anche alla produzione di fumetti in sé e per sé, sebbene non sia ancora chiara la portata dell’operazione.

Il primo frutto dell’accordo (presentato nel comunicato ufficiale come primo “franchising”) arriverà nella primavera del 2018 e sarà disegnato da Olivier Coipel: The Magic Order, una miniserie in sei numeri incentrata su cinque famiglie di maghi che di giorno vivono una vita normalissima, mischiati alle persone comuni, mentre di notte combattono per salvare il mondo da un nemico.

Le immagini mostrate presentano unicamente il copyright di Netflix e nessun banner di case editrici ‘terze’ – nemmeno di Image Comics, con la quale Millar ha collaborato negli ultimi anni –, lasciando intendere che sarà la stessa azienda non solo a produrre, ma persino a pubblicare il fumetto in prima persona, attraverso il marchio Millarworld. In mancanza di ulteriori informazioni, la distribuzione “diretta” a marchio Netflix è per ora immaginabile come limitata al mercato americano, ma sarà interessante vedere cosa accadrà altrove, vista la presenza di Netflix in oltre 190 paesi. Per la distribuzione negli Stati Uniti, Netflix si affiderà a canali canonici come le fumetterie e gli altri punti di vendita standard, oltre che agli store digitali.

magic order mark millar netflix

Secondo Quartz, i fumetti potrebbero essere usati dall’azienda americana come una specie di test, per capire che cosa possa essere più adatto a diventare un film o una serie tv, soprattutto considerando che dalla sola vendita dei fumetti non ricaverebbe tanto quanto Marvel e DC. Di certo, la portata dell’operazione è davvero rilevante. Oltre alla vasta estensione geografica, Netflix può contare su 109 milioni di utenti e un fatturato di 8,30 miliardi di dollari all’anno (nel 2016), candidandosi così a diventare uno dei più grandi player – produttori e/o editori – di fumetto al mondo.

Sebbene staccata da colossi dell’entertainment come The Walt Disney Company, con i suoi 55,63 miliardi di dollari di fatturato (nel 2016) e Time Warner (proprietaria di DC Comics), con 28,11 miliardi di dollari di fatturato nel 2015, Netflix resterebbe comunque davanti a editori puri come la giapponese Shogakukan (906,52 milioni nel 2015) e la francese Média Participations (396,56 milioni di dollari nel 2015).

Per quanto riguarda la diffusione dei fumetti, viene difficile pensare che i nuovi prodotti non vengano tradotti in altre lingue, soprattutto in caso di trasposizioni in altri media. Risultando impossibile per Netflix entrare direttamente in ogni mercato distributivo nazionale, sarà interessante vedere quale modello e quali accordi troverà con i possibile partner internazionali.

Trovandoci di fronte a un editore/non editore, potrebbe esserci la possibilità di assistere ad alleanze o collaborazioni inedite con case editrici nazionali. Non senza i problemi e i limiti della competizione globale: in alcuni paesi si potrebbero creare situazioni di conflitto con la onnipresente Disney, contro la quale Netflix sembra essere entrata sempre di più in guerra, nonostante la disparità di mezzi a disposizione.

Leggi anche: Cosa dicono le prime recensioni della serie tv The Punisher

Seguici sui social

48,897FansMi piace
1,391FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,180FollowerSegui

Ultimi articoli

absolute carnage marvel fumetti

Marvel annuncia “Absolute Carnage”, un nuovo evento a fumetti

Marvel ha anncunaito Absolute Carnage, un nuovo evento a fumetti legato a Venom e Spider-Man, che coinvolgerà gran parte dei personaggi dell'editore.
marvel alex ross

Il fumetto che racconta la storia dell’universo Marvel

Marvel Comics ha annunciato una nuova serie a fumetti scritta da Mark Waid che racconterà l'intera storia dell'universo Marvel.
return of wolverine superpotere artigli

Panini pubblica “Il ritorno di Wolverine”

Inizia la pubblicazione italiana de Il ritorno di Wolverine, miniserie in 5 parti che racconta di come il personaggio sia tornato dalla morte.