Amazon ha chiuso il suo servizio di streaming di anime

Dopo appena un anno dal suo avvio, Amazon ha chiuso Anime Strike, il suo servizio di streaming di animazione giapponese. Da ieri gli utenti statunitensi (i soli a cui era riservato Anime Strike) trovano le centinaia di titoli disponibili direttamente all’interno di Amazon Prime.

Il servizio era stato lanciato a inizio 2017 all’interno di Amazon Prime, al costo aggiuntivo di 4,99 dollari al mese, offrendo serie e film, sottotitolati e, in alcuni casi, doppiati in lingua inglese. I contenuti erano proposti senza pubblicità e, per quanto riguarda le novità, spesso resi disponibili lo stesso giorno della messa in onda sulla televisione giapponese.

A causare il fallimento di Anime Strike sono stati probabilmente la doppia tariffa (Prime più Strike) e la scomodità di utilizzo – poiché cercando un titolo su Amazon si trovavano anche molti altri prodotti, come DVD e libri.

amazon anime strike