Due fumetti tra i libri più censurati del 2017

Come ogni anno, la American Library Association (l’associazione delle biblioteche americane) ha stilato una classifica a cui molti autori di romanzi e di fumetti – rivolti ai ragazzi, ma non solo – vorrebbero volentieri sottrarsi: quella dei libri più censurati all’interno delle pubbliche istituzioni statunitensi.

Nella lista relativa al 2017, sono presenti due fumetti (lo scorso anno erano tre): per la terza volta di seguito, Drama di Raina Telgemeier, una delle autrici di fumetti per ragazzi più apprezzate dal pubblico, e Sex is a Funny Word (Sesso è una parola buffa!) di Corey Silverberg e Fiona Smyth.

Dopo la copertina, la lista completa dei 10 libri più censurati, con titolo tradotto per i volumi usciti anche in edizione italiana.

drama telgemeier

  1. Tredici, di Jay Asher
  2. Diario assolutamente sincero di un indiano part-time, di Sherman Alexie e Ellen Forney
  3. Drama, di Raina Telgemeier
  4. Il cacciatore di aquiloni, di Khaled Hosseini
  5. George, di Alex Gino
  6. Sesso è una parola buffa!, di Corey Silverberg e Fiona Smyth
  7. Il buio oltre la siepe, di Harper Lee
  8. The Hate U Give – Il coraggio della verità, di Angie Thomas
  9. E con tango siamo in tre, di Justin Richardson, Peter Parnell e Henry Cole
  10. I Am Jazz, di Jessica Herthel e Jazz Jennings, Shelagh McNicholas

Entra nel canale Telegram di Fumettologica e ricevi i nostri aggiornamenti: t.me/fumettologica.

  • Già la censura di per sé è usata tendenzialmente in modo sciocco, ma censurare il Cacciatori di aquiloni? Bisogna essere davvero degli ottusi e non aver minimamente afferrato il senso del romanzo per eliminare (mi sembra chiaro sia questa la causa della censura) la fortissima scena iniziale… Personalmente credo che le istituzioni pubbliche debbano istruire allo sviluppo di uno spirito critico aperto ed empatico: certo la censura non è uno strumento per insegnarlo. Sarà il clima Trump?