Neil Gaiman è apparso in una puntata di “The Big Bang Theory”

La scorsa puntata della sit-com “nerd friendly” The Big Bang Theory, intitolata The Comet Polarization e andata in onda il 19 aprile negli Stati Uniti, ha presentato una sottotrama dedicata al mondo del fumetto, con tanto di comparsata da parte dello scrittore Neil Gaiman (Sandman, American Gods).

Neil Gaiman Big Bang Theory

Neil Gaiman e Sheldon nella puntata di “Big Bang Theory”

Nell’episodio Gaiman pubblica un tweet sulla fumetteria che frequentano i protagonisti, rendendola d’un tratto famosissima e costringendo Stuart, il proprietario, ad assumere un’assistente che si rivela incredibilmente brava a consigliare fumetti ai clienti, tanto che Amy, la fidanzata di Sheldon, va da lei per chiederle delle letture che la avvicinino di più al suo ragazzo.

Lo spunto offre agli autori una serie di sequenze fitte di name-dropping: da Red Sonja all’omnibus di DC Rebirth, passando per Action Comics #1000 fino a una discussione sui metalli fumettistici più forti (Gaiman sfoggia le sue nozioni di mitologia nordica e spiega che «il martello di Thor è parecchio potente» essendo fatto di Uru, minerale asgardiano capace di assorbire impatti fisici e magici).

Lo show, solitamente abbastanza leggero con i riferimenti e a prova di normie, arriva a citare perfino il poco conosciuto Arrowsmith di Kurt Busiek e Carlos Pacheco, mentre lo stesso Gaiman cita 1602, non certo il più famoso dei suoi lavori fumettistici. Sheldon, invece, arriva a dire che la sua gestione preferita di Spider-Man è quella a opera di Dan Slott (una delle più dibattute dai fan), che ha di recente concluso il suo ciclo decennale sul personaggio.

Leggi anche: Come essere gentili, secondo Neil Gaiman

Neil Gaiman Big Bang Theory

Neil Gaiman nella puntata di “Big Bang Theory”. In basso a destra si scorge un volume di “Sandman”

È raro che nella serie vengano menzionati personaggi o opere Marvel. Prodotto da Warner Bros. (che fa parte dello stesso gruppo di DC Comics), The Big Bang Theory utilizza quasi esclusivamente arredi in tema Batman/Superman/Lanterna Verde (una delle magliette preferite di Sheldon ha il logo di Flash, i personaggi utilizzano spesso vettovaglie o oggetti marchiati DC o leggono per la stragrande maggioranza del tempo fumetti dello stesso editore). Come fa notare Bleeding Cool, buona parte delle opere citate nella puntata si trova ora nella classifica di Amazon dei libri più venduti negli Stati Uniti.

Le comparsate nerd all’interno della serie sono lungi dal terminare: il finale di stagione, previsto per il 10 maggio, vedrà come ospiti Mark Hamill e Kathy Bates.

Leggi anche: “Sandman Universe”, la nuova linea di fumetti curata da Neil Gaiman