News La polemica sull'uso della parola "autistico" in Superman

La polemica sull’uso della parola “autistico” in Superman

action comics 1002 superman autistico bendis

Lo sceneggiatore Brian Michael Bendis è finito al centro di polemiche sollevate da lettori e giornalisti a causa di un dialogo di Action Comics #1002, uscito negli Stati Uniti questa settimana, in cui la parola “autistico” viene usata in senso offensivo da un personaggio.

Russ Burlingame di ComicBook.com ha scritto per esempio che secondo lui «È difficile pensare che la DC avrebbe approvato il dialogo, se quel linguaggio umiliante fosse stato diretto ad altri gruppi di emarginati o di disabili, e il suo utilizzo qui − soprattutto perché è un fumetto di Superman − suona fuori posto e irritante».

Lo stesso Burlingame è poi intervenuto su Twitter, definendo «disgustoso» l’utilizzo della parola “autistico” in un fumetto e suscitando la reazione dello stesso Bendis. In un primo momento, lo sceneggiatore si è posto sulla difensiva, affermando che il termine è stato usato sì in modo dispregiativo, ma da un personaggio negativo, e non da un eroe, proprio per suscitare una reazione avversativa.

Leggi anche: “Man of Steel”: la rifondazione di Superman di Bendis

«Già, è un insulto che non sopporto» ha dichiarato Bendis. «Mi è stato detto direttamente, e l’ho inserito nel fumetto per dimostrare quanto sia orribile, visto che è detto da un persona orribile che riceve subito il giusto castigo. Lo faccio sempre, nei miei fumetti.»

La scena in questione, infatti, vede il boss criminale Moxie Mannheim insultare per telefono uno dei suoi sottoposti, incapace di localizzare Superman su un computer.

Le motivazioni dello sceneggiatore non sono però state sufficienti, e altri lettori si sono shierati a favore della campagna di Burlingame, spingendo Bendis a cambiare la propria posizione, come affermato in un suo tweet successivo.

«Vi ho dato ascolto. Ho chiamato i miei editor e gli ho detto di assicurarsi che non compaia nelle prossime ristampe» ha confermato lo sceneggiatore. «Il linguaggio era duro. Quando cerchi di essere realistico, puoi davvero fare del male. Sapete che non era mia intenzione e mi avete aiutato a capire come sistemare le cose. Grazie.»

Leggi anche: Per DC Comics Superman è un rifugiato

Seguici sui social

49,168FansMi piace
1,446FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,501FollowerSegui

Ultimi articoli

little in sourland dumas hollow press

“Little Henri in Sourland”, una folle rivisitazione di Little Nemo

Il fumettista americano Henri Dumas è autore di un folle progetto di rivisitazione del personaggio di Little Nemo e delle sue avventure oniriche.
coconino Logo

I fumetti di Coconino Press in anteprima al Comicon di Napoli 2019

Le novità editoriali che Coconino Press porterà in anteprima al Comicon di Napoli 2019, che si svolgerà dal 25 al 28 aprile.
nuovo costume ms marvel

Il nuovo costume di Ms. Marvel

Marvel Comics ha mostrato il nuovo costume di Ms. Marvel, che l’eroina indosserà a partire dal quinto numero della testata “Magnificent Ms. Marvel”.