News Anteprime Nuovo libro e mostra per Bacilieri: 'Tramezzino' e l'architettura di Milano

Nuovo libro e mostra per Bacilieri: ‘Tramezzino’ e l’architettura di Milano

Dopo una estate segnata dalla candidatura ai Premi Eisner per Fun e da un’incursione nel western con Il prezzo dell’onore per Sergio Bonelli Editore, Paolo Bacilieri torna con un nuovo progetto. Un libro di grande formato ma anche di grande ambizione − e insieme passione − estetica. Tramezzino, pubblicato nella collana Sudaca di albi ‘giganti’ di Canicola Edizioni, è una storia d’amore ambientata a Milano ma anche, o forse soprattutto, un’esplorazione disegnata dell’architettura milanese moderna. Un tema che più volte, da Zeno Porno in poi, il fumettista veneto ha messo al centro del suo lavoro.

tramezzino bacilieri canicola

L’uscita del volume è accompagnata dalla mostra Tramezzino. Intermezzo amoroso a Milano (12-14 ottobre), che sottolinea e mette a fuoco l’importanza della dimensione architettonica nel nuovo progetto dell’autore di Durasagra e Sweet Salgari. Ospitata a Milano nel programma dei Brera Design Days 2018, festival del design − sette giorni di mostre, incontri, workshop in oltre 20 spazi sparsi per il quartiere Brera − giunto alla terza edizione, la mostra espone tutte le trentadue tavole dell’opera, ed alcuni studi preparatori, in un allestimento familiare eppure inconsueto: una vasta e speciale libreria modulare, adattata ad hoc dallo Studio 100x Factory. Una soluzione che vuole accogliere i disegni in un contesto ispirato tanto alla cultura editoriale della sede espositiva − la Sala Buzzati del Corriere della Sera − quanto alle linee rigorose dell’architettura meneghina interpretata da Bacilieri nel libro.

Sullo sfondo di una Milano protagonista attraverso le magnifiche architetture di BBPR, Giò Ponti, Luigi Caccia Dominioni, Vico Magistretti e altri, nasce una storia d’amore passionale tra un figlio della borghesia meneghina e una ragazza bellissima, figlia di intellettuali greci, e studentessa di design. Daddo e Skilla si conoscono al Politecnico di Milano e la loro storia è ͞un amoroso combattimento onirico, tra desiderio e paura di vero coinvolgimento. Una storia d’amore straordinaria e intensa, un intermezzo amoroso senza particolari drammi. Ma soprattutto un tributo e una dichiarazione di sincera passione dell’autore per Milano, le sue strade, le sue architetture, i suoi abitanti e la sua anima che ha definito «una città complicata, meschina, eroica, fredda, vigliacca, tenera e… meravigliosa».

In occasione dell’inaugurazione della mostra, venerdì 12 ottobre alle 18.30, presso la Sala Buzzati in via Balzan 3, Bacilieri presenterà il lavoro discutendo di ‘Nuvolette’ sulla città. Milano e il design raccontati dal (o nel) fumetto con la designer e illustratrice Elena Salmistraro, il fumettista e designer Massimo Giacon, il curatore della mostra Matteo Stefanelli e con i giornalisti Alessandro Cannavò (Corriere della Sera), Francesca Taroni (Living), Silvia Botti (Abitare).

Il volume, presente in anteprima durante i Brera Design Days presso la Libreria Feltrinelli di viale Pasubio − e che “debutterà” presso lo stand Canicola durante l’imminente Lucca Comics & Games − sarà disponibile in preordine dal 18 ottobre sul sito dell’editore e in vendita nelle librerie a partire da novembre.

Di seguito, un po’ di pagine in anteprima da Tramezzino.

tramezzino bacilieri canicola

 

tramezzino bacilieri canicola

 

tramezzino bacilieri canicola

Seguici sui social

51,057FansMi piace
1,632FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,204FollowerSegui

Ultimi articoli

tintin edward hopper

Tintin come in quadri di Edward Hopper

Il pittore francese Xavier Marabout è autore di una serie di quadri che ritraggono Tintin in situazioni e scenari che tipici del pittore Edward Hopper.

I supereroi americani in dipinti cinesi

L’illustratore cinese Jacky Tsai è autore di illustrazioni nella quali immagina i supereroi americani all’interno di dipinti tradizionali cinesi.

Le locandine immaginarie di “Millennium Actress” di Satoshi Kon

"Millennium Actress" raccontava di una attrice protagonista di film (immaginari) di cui Satoshi Kon aveva realizzato delle splendide locandine.