News Il nome ufficiale della piattaforma streaming di Disney

Il nome ufficiale della piattaforma streaming di Disney

disney streaming nome disney+

La nuova piattaforma streaming di Disney si chiamerà ufficialmente Disney+ (da leggersi Disney Plus) e sarà lanciata a fine 2019. Ad annunciarlo è stato Bob Iger, CEO di Disney, durante un’intervista con il canale televisivo americano CNBC.

La piattaforma conterrà solo prodotti a marchio Disney − quindi anche, Pixar, Marvel e Star Wars − con film e serial televisivi già esistenti affiancati da proposte inedite. Tra queste ultime, le prime produzioni previste sono una miniserie incentrata su Loki − il nemico degli Avengers − e interpretata da Tom Hiddleston e una serie che farà da prequel a Rogue One: A Star Wars Story, con protagonista Diego Luna nel ruolo di Cassian Andor.

Tra gli altri contenuti originali, ci saranno un rilancio di High School Musical, la prossima stagione della serie animata Star Wars: The Clone Wars e una nuova serie basata su Monsters Inc. della Pixar, oltre al film natalizio Noel (con Anna Kendrick) e a un altro lungometraggio ancora senza titolo interpretato da William Dafoe.

Disney ha già lanciato un sito ufficiale dedicato a Disney+ − disponibile anche in italiano − sul quale è possibile iscriversi per essere aggiornati in anteprima su tutte le novità relative al servizio di streaming.

Leggi anche: 9 meraviglie architettoniche che hanno ispirato la Disney

Seguici sui social

54,214FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
19,310FollowerSegui

Ultimi articoli

ann nocenti comicon 2020

Ann Nocenti ospite di Comicon 2020

La fumettista e scrittrice Ann Nocenti sarà tra gli autori internazionali ospiti di Comicon 2020, il salone del fumetto di Napoli.
fumetti dc comics panini

I primi 55 fumetti DC Comics annunciati da Panini

Panini Comics ha annunciato sul numero 342 del catalogo Anteprima i primi fumetti DC Comics che pubblicherà in Italia dopo l'acquisito dei diritti.

Fenomenologia di George Akiyama

Alla scoperta delle opere e delle contraddizioni di George Akiyama, mangaka di culto di cui in Italia si conosce molto poco.