News Rob Liefeld rompe il contratto con Netflix

Rob Liefeld rompe il contratto con Netflix

Rob Liefeld ha comunicato con un tweet di aver rotto il contratto in esclusiva con Netflix per la realizzazione di film e serie tv basati sui suoi fumetti dell’Extreme Universe.

Liefeld ha detto che l’accordo con Netflix è saltato a causa di una “impasse” creatasi la scorsa estate, che lo ha portato a scegliere di non proseguire nel progetto. Ha spiegato inoltre che sta cercando un accordo migliore con altre aziende.

Lo scorso marzo Netflix aveva opzionato i diritti dell’Extreme Universe di Rob Liefeld – comprendente più di 50 personaggi, tra i quali Brigade, Bloodstrike, Bllodwolf e Kaboom –, con l’intenzione di trarne una serie di film.

Il progetto prevedeva che lo sceneggiatore e regista televisivo Akiva Goldsman (FringeLa torre nerasi occupasse di dirigere una writers’ room di alto profilo per scrivere i film, che saranno tutti collegati tra loro. Lo stesso Goldsman avrebbe dovuto fare da produttore insieme a Liefeld e Brooklyn Weaver (Extant), mentre Greg Lessans (Weed Road) avrebbe dovuto essere il produttore esecutivo. Al momento in cui scriviamo non è stato comunicato se questi lavori stiano proseguendo.

Leggi anche:
Capire Rob Liefeld, il papà di Deadpool
“Major X”, il nuovo fumetto Marvel di Rob Liefeld

Seguici sui social

49,159FansMi piace
1,443FollowerSegui
2,645FollowerSegui
17,497FollowerSegui

Ultimi articoli

little in sourland dumas hollow press

“Little Henri in Sourland”, una folle rivisitazione di Little Nemo

Il fumettista americano Henri Dumas è autore di un folle progetto di rivisitazione del personaggio di Little Nemo e delle sue avventure oniriche.
coconino Logo

I fumetti di Coconino Press in anteprima al Comicon di Napoli 2019

Le novità editoriali che Coconino Press porterà in anteprima al Comicon di Napoli 2019, che si svolgerà dal 25 al 28 aprile.
nuovo costume ms marvel

Il nuovo costume di Ms. Marvel

Marvel Comics ha mostrato il nuovo costume di Ms. Marvel, che l’eroina indosserà a partire dal quinto numero della testata “Magnificent Ms. Marvel”.