Guarda anche le 10 migliori serie dell’anno, le 10 riedizioni e le 10 autoproduzioni

prev

1 - unastoria, di Gipi (Coconino Press). Che Gipi riprendesse a creare fumetti non era (del tutto) scontato. Ancor meno che il suo rientro coincidesse con un simile gioiello. Eppure è andata così. Unastoria è il lavoro di un Gipi maturo che affronta il tema stesso della maturazione. A modo suo, naturalmente. Ovvero scegliendo la strada dell’equilibrio instabile: una specie di complessità travestita da confusione. Confusione di personaggi (Silvano chi? Quale? E se fosse un po’ Gipi?), di luoghi (la stazione di servizio, l’ospedale, casa, la stazione di servizio, la Guerra, la stazione di servizio), di storytelling (chi parla? Dove/quando siamo?), di tecniche (acquarelli commoventi, disegnacci all’impronta, sequenze da “fumetto-fumetto”). Né fiction né autobiografia, né trama né astrazione, né perfezione “paracula” né eclettismo sterile: là dove molti si perderebbero, Gipi danza. Il caos interiore ed estetico può diventare armonia. E suggerire parole antiche, come “bellezza”.