Guarda anche le 10 migliori serie dell’anno, le 10 riedizioni e le 10 autoproduzioni

prev  next

3 - Opus, di Satoshi Kon (Manga Planet). I fumetti possono essere (anche) dei veri e propri rompicapi. E Opus lo dimostra come pochi. La trama racconta il cortocircuito percettivo tra un autore e il suo fumetto, nel quale “finisce” letteralmente per ritrovarsi, in un andirivieni fra realtà e finzione fumettistica che lascia stupefatti. Un metafumetto dotato di una complessità (e leggerezza) che nemmeno il miglior Grant Morrison. E l’opera giovanile di un allievo di Otomo – prematuramente scomparso nel 2010 – che nel 1995/96 iniziava a liberarsi dall’influenza del maestro, per diventare uno dei maggiori registi di anime, e un virtuoso della narrazione onirica.