Guarda anche le 10 migliori serie dell’anno, le 10 riedizioni e le 10 autoproduzioni

prev  next

4 - Il Nao di Brown, di Glyn Dillon (Bao Publishing). Il ritorno del “fratello bravo di quello di Preacher” (Recchioni dixit) al fumetto, dopo 15 anni, è uno dei libri più sorprendenti dell'anno. Da un lato per il trasporto emotivo nel racconto della malattia (disturbi ossessivo-compulsivi) della protagonista. Dall’altro per il tour de force artistico, fatto di acquarelli mozzafiato, storytelling impeccabile e di una vivace contaminazione fra sensibilità grafiche british, francesi e giapponesi. In una specie di equivalenza con l’“iperattività” mentale, l’energia del disegno e dei colori (e dei sogni) sembrano quasi suturare gli scompensi di Nao. E noi, con lei, fluttuiamo in una storia che sembra farci perdere. Come in una strana, misteriosa esplorazione: la ricerca di sé – e dell’amore – da parte di una ragazza unica.