Copertina e una selezione di pagine in anteprima de Il grande Diabolik n. 1-2018, intitolato La morte in pugno, con soggetto di Mario Gomboli e Tito Faraci, sceneggiatura di Tito Faraci, disegni di Giuseppe Palumbo. Le matite di prologo e epilogo sono firmate da Sergio Zaniboni: l’ultimo suo contributo alle storie del personaggio, su cui collaborava dal 1969. L’albo sarà in edicola da fine aprile 2018.

In questa avventura, Diabolik è impegnato a portare a termine un’indagine nel mondo del pugilato: per la prima volta lo vedremo affrontare rivali a suon di pugni tra citazioni per veri appassionati della sua storia editoriale e le tecniche della “nobile arte”.

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

grande diabolik la morte in pugno fumetto

 

Dal comunicato dell’editore:

Diabolik è da poco tempo a Clerville. Deve ancora scoprire molte cose della città e, soprattutto, dei suoi lati oscuri. E così, casualmente, entra in contatto con una palestra di pugilato e con l’ex campione di boxe che la gestisce. Una figura carismatica ma ambigua, che raccoglie attorno a sé giovani sbandati, piccoli criminali in cerca di riscatto. Forse. Perché Diabolik scopre che dietro quei guantoni, quei sacchi da allenamento potrebbe nascondersi un segreto legato alla criminalità locale. E vuole vederci chiaro, vuole svelare quei segreti e approfittarne, e per questo frequenta la palestra. Per la prima volta in vita sua affronta un avversario a suon di pugni. Per la prima volta in vita sua si trova nel ruolo di insegnate di arti marziali. Ma quando approfondisce il rapporto con quello strano pugile, la realtà gli riserva non poche sorprese. Drammatiche e pericolose.

Il protagonista della storia è un pugile chiamato Big Bolt. Nome non casuale, scelto per rendere omaggio al primo personaggio a fumetti pubblicato dalla Casa Editrice Astorina, nell’estate del 1961. Da qualche anno il pugilato era diventato uno sport molto seguito, le Olimpiadi di Roma del 1960 avevano portato alla ribalta Nino Benvenuti, vincitore della medaglia d’oro nella categoria superwelter, trasformandolo in una vera star. L’Astorina acquisì i diritti per pubblicare in Italia le avventure di Big-Ben Bolt, un campione di pugilato protagonista di una serie di strisce quotidiane apparse negli Stati Uniti a partire dal 1950, disegnate da John Cullen Murphy. E all’interno dell’albo numero 18 (novembre 1962) di Big-Ben troviamo la pubblicità della nuova testata: Diabolik. Dopo Big-Ben, nessun altro personaggio a fumetti affiancherà mai Diabolik nelle pubblicazioni Astorina. Fino alla recente apparizione di DK… ma questa è un’“altra” storia.