Le prime pagine di Hangar 66 vol. 1, di Max Bertolini, disponibile in fumetteria e sullo shop online di Edizioni Inkiostro. L’albo verrà presentato a Rimini Comix il 20 luglio.

hangar 66 max bertolini edizioni inkiostro

hangar 66 max bertolini edizioni inkiostro

hangar 66 max bertolini edizioni inkiostro

hangar 66 max bertolini edizioni inkiostro

hangar 66 max bertolini edizioni inkiostro

hangar 66 max bertolini edizioni inkiostro

hangar 66 max bertolini edizioni inkiostro

Dal comunicato dell’editore:

Italia 2066: la guerra civile ha portato l’anarchia nel paese, l’Europa ci ha buttato fuori dall’unione e si è isolata dietro il grande muro che attraversa tutto il nord. L’unica speranza di salvezza dalla violenza che domina è entrare nell’arena, il famigerato Hangar 66, l’unico accesso legale alla nuova europa. Se sopravvivi.

Hangar 66 è il primo social-comic della storia del fumetto [racconta l’autore] e nasce dal mio desiderio di creare un fumetto indipendente da ogni logica editoriale, completamente libero nei contenuti e nella grafica. Volevo esprimermi al massimo senza lacci di nessun tipo, disegnare quello che mi piaceva, come mi piaceva, punto. Ma prima ancora di cominciare a disegnare, ho fatto una semplice domanda ai miei followers su Facebook: qual è il fumetto che avreste sempre volute leggere e che non avete ancora visto? Le risposte che ho avuto andavano tutte nella stessa direzione, che incredibilmente era quella che avevo già in mente io, quella che vedrete appunto in Hangar 66.

Con un canovaccio già chiaro nella mia mente, ho iniziato a coinvolgere i futuri lettori mostrando gli studi preparatori di alcuni personaggi e di scenari adatti a quello che stavo captando dagli input che mi davano.
Chiedevo secondo loro chi erano questi personaggi e qual era la loro storia, invitandoli a partecipare sin dall’inizio e non solo come fruitori finali di un prodotto già pronto. Aldilà delle singole risposte, mi sono formato un’idea che rispecchiava bene quello che era il senso generale dei riscontri. Questo meccanismo è stato premiato e la fan base di Hangar 66 si è allargata tantissimo nel giro di pochi mesi, facendo diventare il progetto uno “state of mind” mediatico.