Le prime pagine di Inferno, di Yoshihiro Tatsumi, in fumetteria e libreria dal 27 luglio per Coconino Press.

inferno yoshihiro tatsumi coconino

 

inferno yoshihiro tatsumi coconino

 

inferno yoshihiro tatsumi coconino

 

inferno yoshihiro tatsumi coconino

 

inferno yoshihiro tatsumi coconino

 

inferno yoshihiro tatsumi coconino

 

inferno yoshihiro tatsumi coconino

 

inferno yoshihiro tatsumi coconino

 

Dal comunicato stampa dell’editore:

Dopo Crocevia e Le lacrime della bestia, ecco il terzo volume di racconti del maestro giapponese che ha dato vita nel 1954 al movimento Gekiga. Altre sette perle ritrovate: storie pubblicate negli anni ’70 sulle riviste più innovative di manga e ora proposte per la prima volta al pubblico italiano.

Hiroshima. Vent’anni dopo l’orrore della bomba atomica, un uomo torna nella città della strage. Ripercorre i luoghi della tragedia, ricorda le foto che scattò e il reportage che lo rese famoso. Una ferita sempre aperta. Ma la memoria può ingannare. E i fantasmi che riaffiorano dal passato possono essere pericolosi… La tragedia di Hiroshima ha segnato per sempre il protagonista di Inferno, il racconto che apre questa antologia.

All’insegna di un crudo realismo, con linguaggio asciutto e grande finezza di analisi psicologica, Tatsumi narra il Giappone sconfitto del dopoguerra. E poi la rinascita, il boom economico, ma soprattutto le sue vittime: i reietti e i perdenti lasciati ai margini da una società sempre più competitiva e asfissiante. Frammenti di vita quotidiana. Tragedie individuali perfettamente delineate in poche pagine, con dialoghi incisivi e toni cupi che colpiscono al cuore e diventano poesia.

Le storie raccolte nell’antologia Inferno confermano il talento di Yoshihiro Tatsumi, il “maestro di Osaka”, e portano a compimento il suo lungo viaggio alla ricerca del racconto realistico perfetto. Condannati alla solitudine da una società che venera solo il denaro e il successo, i suoi personaggi scivolano verso il fondo: eppure, nel buio delle loro vite, brilla ancora una scintilla di poesia e di umanità.