Le prime pagine di Sigmund Freud – Isteria, di Richard  Appignanesi e Oscar Zarate, in libreria e fumetteria dal 30 giugno per Magic Press.

 

Hysteria © 2015, 2017 SelfMadeHero. Per l’Italia Magic Press Edizioni

Dal comunicato stampa dell’editore:

Sigmund Freud: Isteria, graphic novel nato dalla collaborazione tra Richard Appignanesi e Oscar Zarate, ripercorre le tappe fondamentali della carriera di Sigmund Freud e dei suoi studi sull’isteria, maturati grazie al confronto con importanti medici dell’epoca (J. M. Charcot e i suoi studi sull’ipnosi, e ancor di più J. Breuer, insieme al quale elaborò il “metodo catartico”).

Nel volume sono riportate le vicende di alcuni famosi casi clinici con i quali il medico viennese si confrontò e che si rivelarono determinanti per lo sviluppo della cosiddetta “talking cure” e della teoria sull’inconscio. Non più cause organiche o lesioni neurologiche a spiegare il dolore cronico, la paralisi, l’angoscia, l’idrofobia, ma emozioni, “ferite dell’anima” legate a ricordi presto rimossi perché insostenibili. Ha ancora senso oggi parlare di isteria? Certamente sì: i malesseri, le solitudini, le nevrosi “di massa” che caratterizzano per molti aspetti la società occidentale, sono certamente la riprova che una società meno ancorata a rigide convenzioni sociali, come quella di fine ‘800/inizio ‘900, non è necessariamente una società in cui ci si sente più liberi o più felici.