Rubriche #tavolidadisegno Nello studio di Paolo Bacilieri

Nello studio di Paolo Bacilieri

Bac_37

A quale progetto stai lavorando attualmente?

Sto lavorando a più cose, come al solito. Per Bonelli Editore sto disegnando un western. No, non Tex: è una storia della serie “Le storie”, scritta da Fabrizio Accatino, i cui protagonisti, due “soldati blu” (credo che Tex gli sparerebbe addosso senza rimorsi dopo al massimo due tavole) non sono degli stinchi di santo, ecco. Poi c’è questo libro (o Graphic novel, se preferisci) che sto preparando, Fun, un libro “farcito”. Tratta della nascita e dello sviluppo del Cruciverba, ma contiene anche un sacco di storie e storielle brevi, “orizzontali e verticali”, che ho pubblicato qua e la in questi anni. Storie in cui compare spesso e volentieri il nostro caro Zeno Porno.

Bac_13

Quali sono gli strumenti prediletti e le tecniche che utilizzi per disegnare?

Ho usato e uso un po’ di tutto, ma negli anni mi sono un poco stabilizzato su rapidograph e penne stilografiche giapponesi su cartoncino per poi rifinire il tutto, una volta scansionata la tavola, con Photoshop.

Bac_22

C’è qualche abitudine o “rituale” che segui prima di iniziare a disegnare?

No, nessun rituale, è già abbastanza dura anche senza, però musica sì, spesso e volentieri, prima durante e dopo. Ascolto, anzi, ascoltiamo, visto che lavoro in questo studio con altre persone, un po’ di tutto.

Bac_30

Ci sono fumetti o libri che devono essere a portata di mano? Un autore di riferimento?

Dunque, dipende da ciò a cui sto lavorando, ovviamente. Di solito sul mio tavolo si accumulano di volta in volta libri, fumetti e materiale legato a ciò su cui sto lavorando. In questo momento ci trovi un libro molto bello che mi ha prestato Carlo Ambrosini, sul pittore Charles M. Russell, un libro di armi e fuorilegge del west, una copia della Settimana Enigmistica, e via dicendo.

Autori di riferimento certo che ce ne sono, per i maledetti cavalli, ad esempio, il Texone di Guido Buzzelli, che li disegnava straordinariamente bene. Rino Albertarelli, che belli i suoi Protagonisti del West, qualche vecchio Ken Parker di Berardi e Milazzo, e poi, ovvio, ci sono il Blueberry di Jean Giraud e il Comanche di Hermann… ecco i miei personaggi devono essere sporchi e impolverati almeno quanto quelli di Hermann! Questo per rimanere in ambito western…

Bac_32

Il disegno incorniciato ha tutta l’aria di essere un cimelio. Sbaglio?

Si tratta di un piccolo bozzetto di Carl – o meglio, di Johann Sebastian Barks – che vidi e acquistai qualche anno fa dagli amici della Galleria MioMao. Non sono un collezionista di originali, ma capita di vederne uno che non ti puoi proprio esimere dall’avere. Quando ho visto quell’espressione di Paperon de’ Paperoni abbozzata a tremolante matita da un (credo) anziano Barks come-solo-lui (non so se riuscite a vederla in questa foto), ho pensato: “Tu vieni a casa con me.”

Fotografie di Daniela Mazza

Seguici sui social

52,131FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,656FollowerSegui

Ultimi articoli

warlock jim starlin fumetto marvel

Warlock, il messia spaziale a fumetti di Jim Starlin

Uno dei punti più alti di sempre per la Marvel, pubblicato negli anni Settanta, "Warlock" è anche il capolavoro di Jim Starlin.
Weather Child

“Weathering with You” di Makoto Shinkai, un film imperfetto ma da vedere

"Weathering with You" è il nuovo tassello dell’opera Makoto Shinkai, un il film molto atteso dopo il grande successo di "Your Name.".

Sunday Page: Sarah Mazzetti su Nora Krug e Line Hoven

Per la rubrica Sunday Page, questa settimana ospitiamo la disegnatrice Sarah Mazzetti, che discute i lavori di Nora Krug e Line Hoven.