News Arrivederci, Topolinia

Arrivederci, Topolinia

di Andrea Alberghini

Chris Ware lo ha dimostrato di recente creando Building Stories, uno dei progetti fumettistici più straordinari (folli, complicati, ambiziosi) del decennio: l’intersezione tra fumetto e architettura è un campo quanto mai interessante. Per non dire azzeccatissimo. Forse anche più del “classico” – e pur sempre pertinente – dialogo tra fumetto e cinema.

Sta di fatto che questo rapporto sta diventando un campo d’indagine – in gran parte ancora inesplorato – in grado di suscitare una crescente attenzione da parte dei media, degli operatori e degli osservatori, tanto da essere divenuto oggetto di importanti iniziative di riflessione. Basti citare il convegno internazionale Comics and the City organizzato da Jörn Ahrens e Arno Meteling all’Università Humboldt di Berlino nel giugno 2007, con gli interventi di una quindicina di relatori provenienti da Europa e Stati Uniti. È del 2010, poi, la sontuosa mostra Archi & BD allestita alla Cité de l’Architecture & du Patrimoine di Parigi, il cui dipartimento di architettura (l’Ifa) già nel lontano 1985 aveva curato un’altra mostra dal titolo emblematico: Architectures de Bande Dessinée. Il rapporto tra fumetto e architettura è stato inoltre al centro del recente XV Napoli Comicon tenutosi nell’aprile 2013.

Oltre agli atti del convegno tedesco e al catalogo della mostra parigina, entrambi pubblicati nel 2010, il ristretto panorama delle opere dedicate al tema si è ampliato nel 2012 con Bricks & Balloons di Mélanie van der Hoorn, un saggio che esplora l’utilizzo del fumetto nella critica e nella pratica architettonica, realizzato con il supporto del Fondo Olandese per l’Architettura. Ultimo in ordine di tempo, si aggiunge ora a questo breve ma significativo elenco il bel libro degli italiani Laura Cassarà e Sebastiano D’Urso Goodbye Topolinia (editore Malcor D’), il cui contenuto è chiaramente indicato dal sottotitolo: su architettura e fumetto.

malcord-collana-interferenze-per-blog-fbc-011

L’uso dei due termini al singolare, qui, è illuminante: il saggio, infatti, si propone di indagare le due discipline non tanto (o non solo) perché affini nelle loro espressioni concrete, tangibili, ma in quanto Arti con la A maiuscola, mosse da meccanismi in larga parte sovrapponibili. Il taglio si rivela quindi originale rispetto alla scarna bibliografia esistente sull’argomento, che tende a concentrarsi invece sulla mera rappresentazione mediatica dell’immaginario architettonico e urbano. Non è un caso, forse, che Cassarà e D’Urso siano entrambi architetti (il secondo è anche ricercatore e docente universitario), mentre gli autori delle pubblicazioni citate in precedenza sono perlopiù sociologi e studiosi dei media.

Così facendo, comunque, gli autori di Goodbye Topolina si avventurano – con cognizione di causa, va precisato – in un terreno insidioso che si presta facilmente a generare dibattito, laddove ad esempio Mélanie van der Hoorn in Bricks & Balloons si era limitata a riportare i risultati della propria ricerca – condotta attraverso lo strumento dell’intervista – senza di fatto prendere una posizione personale. Cosa sia l’Architettura e cosa sia il Fumetto, quali caratteristiche li definiscano, se entrambi rientrino a pieno titolo nel novero delle arti e dei mezzi di comunicazione di massa sono infatti argomenti che possono rivelarsi spinosi e controversi. Agli autori va riconosciuta l’abilità di porre tali (non facili) questioni teoriche in un modo comprensibile anche ai lettori non specializzati e di renderle accattivanti appoggiandosi a un’accurata serie di esempi ricchi di fascino.

Così, un architetto dalla poetica raffinata come Peter Zumthor, capace di creare atmosfere e suggerire percorsi nei propri edifici, trova un parallelismo con l’organizzazione in funzione diegetica dello spazio disegnato che è tipica del fumetto e che un autore sofisticato quale Marc-Antoine Mathieu rende in modo magistrale, spingendosi addirittura nella terza dimensione, virtualmente o materialmente, con felici trovate cartotecniche.

Al pari del disegno, strumento di interpretazione e conoscenza della realtà, gli autori individuano infatti nella narrazione l’elemento comune a fumetto e architettura, mettendo in evidenza la narratività architettonica di Carlo Scarpa e di Bernard Tschumi, architetto quest’ultimo che ha lavorato ampiamente sul concetto di sequenza. Non mancano riferimenti a grandi maestri del fumetto quali Eisner, Schuiten, Swarte, Otomo, Ware, né ad architetti che usano il fumetto all’interno del loro ambito disciplinare, come Bjarke Ingels, Klaus e Jimenez Lai. Questi e numerosi altri esempi sono portati da Cassarà e D’Urso a supporto della loro tesi che finisce per istituire saldi parallelismi non solo tra l’attività dell’architetto e quella del fumettista, entrambi creatori/visualizzatori di mondi possibili, ma soprattutto tra l’Architettura e il Fumetto come espressioni di un agire artistico che trova nella dimensione spaziale e temporale la propria specifica ragione d’essere.

Il volume, ampiamente argomentato, è ulteriormente impreziosito da un saggio di Benoît Peeters, autore con François Schuiten dell’affascinante ciclo utopico-retrospettivo Les Cités obscures, pubblicato purtroppo solo parzialmente in Italia. Una nota di merito, infine, per l’efficace copertina di Fabio Consoli e la grafica dei titoli dei singoli capitoli che visualizza alla perfezione il concetto – centrale, nel saggio – di “interferenza”.

Laura Cassarà, Sebastiano D’Urso
GOODBYE TOPOLINIA – Su architettura e fumetto
Malcor D’, 2013
237 pagine, € 22.00

Seguici sui social

53,840FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
19,168FollowerSegui

Ultimi articoli

alfredo castelli mille lire fumetto

Il fumetto di Alfredo Castelli fatto con le fotocopie delle mille lire

Il sogno del musicista - Un’opera da mille lire è un fumetto di Alfredo Castelli realizzato con dettagli fotocopiati di una banconota da mille lire.
boys dear becky fumetto garth ennis

“The Boys” di Garth Ennis torna con una nuova serie a fumetti

Garth Ennis è al lavoro su una nuova miniserie spin-off di "The Boys", che sarà ambientato prima della serie originaria conclusasi nel 2012.
next world osamu tezuka manga

Radar. 8 fumetti da non perdere usciti questa settimana

Una selezione di alcuni dei fumetti pubblicati in settimana, che secondo noi meritano la vostra attenzione. Per preparare un weekend di buone letture.