Lucca C&G – La doppia vita dei cosplayers

Come per ogni Lucca Comics & Games, i cosplayers sono uno spettacolo-nello-spettacolo. E osservarli – magari sgranando gli occhi, sorridendo, o talvolta sghignazzando maliziosi – è diventata una delle abitudini più ‘tipiche’ di chi si reca a visitare la kermesse lucchese.

Qui a Fumettologica ci siamo fatti un’idea. Ovvero, che esistono due modi di osservare i cosplayers. Il primo consiste nel farli mettersi in posa e scattare una foto ricordo. Il secondo è notare che cosa fanno un attimo dopo essere stati fotografati, mentre riprendono il cammino. A Lucca, quest’anno, i cosplayers erano migliaia (in quantità percepite: decine di migliaia). Farsi osservare era il loro scopo, e di certo non si può dire che non ci siano riusciti.

20131102_132036
Un ombrello in dotazione per Deadpool.

Anche noi di Fumettologica eravamo a Lucca, e non ci siamo lasciati sfuggire lo spettacolo. Così, pensando a un modo per raccontarvi (anche) questo aspetto di Lucca C&G 2013, abbiamo pensato proprio a due gallery fotografiche distinte.

Nella prima potete osservare i cosplayers in posa di fronte all’obbiettivo fotografico. Nella seconda potete spiarli mentre non vi vedono. Scoprendo così che in fondo sono proprio come noi. Costumi a parte, s’intende.

FumettologicaCosplayerBluesBrothers
Cosplayers in missione per conto di Dio.