This is NOT a love song

«This Song Is a Not Love Song», cantava Johnny Lydon dei Public Image Limited, dopo essere fuggito dai Sex Pistols alla ricerca di una nuova identità, mentre Malcom McLaren – il loro produttore –  cercava fortuna con la sua nuova creatura: i Bow Wow Wow. Lontano dell’estetica oscura ed esanime del post-punk, “musica per studenti tutta atmosfera e mistica”, il produttore più chiacchierato del punk decise di investire le sue forze su un nuovo progetto, in cui bisticciava con l’estetica piratesca e i mixtape pirata. C30C60C90 Go dei Bow Wow Wow era l’anthem della nuova generazione non più raccolta intorno al vinile, ma alla cassettine duplicabili e personalizzabili – sorta di peer to peer ante litteram.

tinals_foto_2

A trent’anni di distanza, la canzone dei Public Image Limited diventa il nome di un progetto nato dalla collaborazione della New Monkey Press Records e dell’etichetta umbra To Lose La Track di Luca Benni. L’intento dichiarato è quello di riportare in vita un supporto fonografico ormai in disuso e che negli ultimi anni, insieme al vinile, ha riconquistato una sua fetta di mercato e un numero crescente di affezionati (feticisti).

tinals-580x260

Infatti, THIS SONG IS A NOT LOVE SONG è un «serbatoio infinito di canzoni d’amore » a cui le migliori band del panorama alternative e indie italiano hanno attinto per creare il mixtape perfetto.  Il tutto è missato da Andrea Provinciali e curato – nella sua parte grafica – da Chiara Fazi. Le note che accompagnano ogni canzone, invece, portano la firma di Liborio Conca. Inoltre, la New Monkey Press Records ha contattato un nutrito stuolo di fumettisti/illustratori/grafici per realizzare ventuno (sì: 21) diverse “cassette di carta” che si ripiegano ad organetto e custodiscono al proprio interno un’illustrazione: un’interpretazione personale che cerca di cogliere il mistero che si cela dietro queste eterne canzoni d’amore. Una sola mixtape, ventuno diversi modi di declinarlo.

I noi dei disegnatori coinvolti finora: Gianluca Costantini; Aka B; Nicolò Pellizzon; Marino Neri; Chiara Fazi; Silvia Rocchi; Bianca Bagnarelli; Stefano Simeone; Erbalupina; Marco Galli; Davide Catania; Millo, La Tram; Dario Panzeri; Francesco Cattani; Massimo Pasca; Eleonora Amianto; Marika Marini; Margherita Morotti.

Layout 1
Dark Globe di Sid Barret, illustrata da Francesco Cattani