News Gipi legge "unastoria": un reading video

Gipi legge “unastoria”: un reading video

Dopo “Fiducia nell’acqua”, una sorta di tutorial su una tavola del nuovo graphic novel di Gipi, il pubblicitario e videomaker Massimo Colella è tornato a girare un video nello studio del fumettista. Questa volta, però, non si tratta di un minidocumentario su un aspetto specifico dell’opera, ma di una lunga sequenza in cui Gipi legge – davanti allo schermo del proprio computer (nella prima parte), o a una copia stampata (verso il finale) – tutte le pagine di Unastoria, dalla prima all’ultima.

Da ormai diversi anni, Gipi ha mostrato una certa predilezione per la lettura pubblica di brani, più o meno ampi, tratti dalle sue opere. Una passione che lo ha condotto qualche anno fa anche a un breve tour nei teatri, con “Essedice”, uno spettacolo ibrido fra reading e pièce teatrale tratto dal suo graphic novel “S.” (un frammento della tappa a Ferrara lo trovate qua).

Immagine1

In questa occasione, nata come i precedenti video girati da Colella in una situazione informale e domestica, Gipi offre una lettura ‘appassionata’ del proprio lavoro, sottolineandone le voci, i toni, le pause e anche – nonostante la trama sia parecchio drammatica – le sfumature più divertenti, come le onomatopee (ebbene sì: in questo video Gipi fa come i “rumoristi”, e produce con la bocca tutta una serie di suoni, con effetti spesso buffi).

Seguici sui social

52,866FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,862FollowerSegui

Ultimi articoli

Leiji Matsumoto lucca comics 2018

Leiji Matsumoto ricoverato in ospedale a Torino, è in rianimazione

Leiji Matsumoto, noto per essere il creatore di Capitan Harlock, è stato ricoverato per un malore all'ospedale Molinette di Torino.
takei they called us enemy

I 5 migliori fumetti del 2019 secondo Publishers Weekly

Publishers Weekly ha stilato sul sito online la propria lista dei 5 migliori fumetti distribuiti negli Stati Uniti nel 2019.

I fumettisti italiani disegnano i cartoni animati del passato

Alcuni autori italiani di fumetto hanno partecipato a un progetto intitolato "This is Not Bim Bum Bam" che omaggia popolari cartoni animati del passato.