Marvel lanciatissima in tv, fa sul serio con Daredevil

Mentre sul versante DC Comics proseguono i rumors sulla produzione di una serie tv dedicata a Preacher da parte mano del canale AMC – lo stesso di Walking Dead e Breaking Bad, in perfetta linea con la spregiudicatezza di Ennis e Dillon – e prosegue con buoni numeri Arrow (che nello scorso episodio ha introdotto un Barry Allen privo del costume di Flash), recentemente la Marvel ha annunciato una massiccia produzione di serie televisive per i prossimi anni. Un piano ambizioso, che si affianca all’ampio programma pluriennale di produzioni cinematografiche intraprese dalla Casa delle Idee.

marvel-daredevil-reaquire1

Dopo il discreto riscontro ottenuto dalla serie tv Agents of S.H.I.E.L.D. partito questa stagione negli States sul network televisivo ABC, a opera di Joss Whedon – il noto creatore di Buffy the Vampire Slayer e regista del blockbuster Avengers, nel cui solco si colloca la stessa SHIELD – Marvel ha da alcune settimane confermato per il 2015 l’uscita di un serial dedicato a Daredevil.

È notizia di questi giorni che il produttore esecutivo responsabile della serie sarà Drew Goddard, che scriverà e dirigerà il primo episodio. Goddard ha lavorato in passato a fianco di Whedon sia su Avengers che su Buffy the Vampire Slayer e Angel, oltre ad aver lavorato anche a World War ZLost.

La serie di Daredevil si inserisce in un pacchetto di produzioni più ampio, che vede la realizzazione di tre altre serie tutte ambientate nel quartiere newyorkese di Hell’s Kitchen, con protagonisti rispettivamente: Jessica Jones, Iron Fist e Luke Cage. I quattro titoli, tutti destinati a una prima stagione di 13 episodi, dovranno poi culminare in una miniserie tv intitolata The Defenders.

La strada intrapresa dalla Marvel si rivolge al nuovo mercato delle serie nate per il web. L’intero progetto fa parte infatti di un accordo di esclusiva con la piattaforma di streaming online Netflix, che nell’ultimo anno ha vissuto una notevole ascesa grazie a titoli di qualità e di successo serializzati in esclusiva come Orange Is the New Black e Hemlock Grove, o il recupero della sit Arrested Development.

Il futuro del fumetto supereroistico – dopo anni di Hollywood – passerà per il web?