MAS architettura, MAS fumetto

di Andrea Alberghini

È online da oggi – e disponibile, in pdf, per il download gratuito – il numero invernale di “MAS Context”, rivista internazionale di architettura pubblicata a Chicago che con taglio interdisciplinare esplora di volta in volta una specifica tematica attinente il contesto urbano.

00_about_cover

Il tema di questa occasione ci interessa da vicino: architettura e narrativa (grafica) – parecchio spazio al fumetto, insomma. In linea con la natura multidisciplinare del trimestrale e in coerenza con il titolo dell’argomento, MAS Context: Narrative raccoglie una serie di saggi, interviste e alcune storie a fumetti che esplorano il rapporto tra narrazione grafica e progetto architettonico, secondo tre direttrici: l’utilizzo del fumetto all’interno dell’ambito disciplinare dell’architettura; le incursioni dei fumettisti nel mondo dell’architettura; le interferenze tra architettura e animazione.

Il corposo volume di 230 pagine è  curato dal direttore Iker Gil e dall’architetto Koldo Lus Arana, presente nella duplice veste di accademico esperto della materia e di archicartoonist noto sotto lo pseudonimo di Klaus. Agli articoli di carattere generale firmati da Koldo Lus Arana (autore della tesi di dottorato Futurópolis: el cómic y la construcción transmediática de la ciudad del futuro) e da Mélanie Van Der Hoorn (autrice del libro Bricks & Balloons) si alternano così interviste a Sir Peter Cook (Archigram), Klaus, François Schuiten, Joost Swarte, Marc-Antoine Mathieu, Manuele Fior, Tom Kaczynski e Jonathan Gales.

La rivista presenta opportunamente anche quattro brevi “archifumetti”, emblematici del fecondo rapporto tra le due discipline: Lost in the Line di Léopold Lambert (tratto dal volume Weaponized Architecture); Out of water di Jimenez Lai (tratto da Citizen of No Place); The Kartun View! di Wes Jones, Steven Purvis e Mark Simmons (realizzato in occasione della Biennale di Architettura di Venezia del 2008); Starchitecture redux di Klaus (una raccolta di caustiche vignette dedicate all’archistar Rem Koolhaas). Il tutto impreziosito da una copertina che vanta un disegno di Chris Ware tratto da Building Stories.

20_building_stories_cover
Building Stories (Detail) © Chris Ware