Quote di mercato negli USA: DC e Marvel perdono, IDW e Image crescono

Nel corso del 2013, il mercato del fumetto nordamericano è stato dominato – come accade ormai da decenni – dalle due major che tutti conosciamo, ovvero Marvel e DC Comics. Tuttavia, per le cosiddette “Big Two” è stato un anno segnato da una concorrenza crescente.

dcmarvel-01

I due principali editori di fumetto negli Stati Uniti, infatti, secondo le stime del sito di analisi di mercato sulla pop culture ICv2, hanno visto diminuire le proprie quote di mercato rispetto al 2012 in uno dei canali distributivi principali (oltre alle librerie, la grande distribuzione e, residualmente, le edicole): le fumetterie. Nell’ambito di questo canale, Marvel ha perso nel 2013 lo 0,56% (attestandosi al 34,06% del totale, rispetto al 33,50% del 2012), mentre DC Comics ha ceduto l’1,61% (30.33%, sul 31,94% del 2012).

A conquistare una maggiore porzione del pubblico di lettori delle fumetterie, invece, sono stati tutti gli altri 7 editori che compongono la lista dei primi 9 produttori di fumetto negli USA: Image, IDW, Dark Horse, Dynamite, BOOM!, Eaglemoss, Valiant (il 10°, Avatar, ha mantenuto la stessa quota del 2012). In particolare, le maggiori crescite sono state registrate da IDW, con +0,90%, per un market share totale del 6,47%, e Image Comics, che con un +0,69% ha raggiunto ormai l’8% del mercato delle fumetterie.

Dal 2008 al 2013, le Big Two hanno perso quasi il 7% di share in questo canale (nel 2008 totalizzavano il 70,75%; ora sono al 63,83%), a vantaggio di Image e IDW, le cui quote di mercato sono sostanzialmente raddoppiate nello stesso quinquennio.

Tuttavia, come osservano gli analisti di ICv2, questi dati vanno considerati alla luce di altri indicatori sull’andamento del mercato nordamericano dei comics. Infatti, non va dimenticato che:

La dimensione della torta è aumentata, dal 2012 al 2013, perciò anche con un calo nelle quote di mercato gli editori potrebbero avere registrato un aumento delle vendite. In secondo luogo, tali percentuali non includono il mercato delle librerie, che nel Nord America corrisponde circa alla metà del business complessivo di comics e graphic novel.

Per maggiori dettagli, questo è l’articolo pubblicato da ICv2.