Rubriche Sunday page L’inverno di Calvin & Hobbes: 2-2-1992

L’inverno di Calvin & Hobbes: 2-2-1992

L’altra tavola che abbiamo commentato, paradossalmente, pareva più di ‘apertura’ che di chiusura. Là i personaggi si presentavano finalmente liberi dall’inferno delle convenzioni (americane): i condizionamenti della vita e/o le convenzioni del fumetto (della strip sindacata). Costrizioni contro le quali lo stesso Watterson, nel suo conflittuale percorso professionale, si è a lungo battuto, e in parte con successo.

In questa tavola, che fu invece la terzultima sunday page, tutto è costrizione – con humour, ovviamente – poiché ciò che commenta è la vita vera. Non siamo più in un limbo imbiancato, un paradiso idealizzato. Si corre in avanti, alla ricerca di un mitico “istante di gratificazione”; ma se tutto è troppo veloce – “quickly” – alla fine si inciampa. Come nella vita vera. Il grande senso del movimento dei corpi, quasi fossero fatti di gomma, così come il dinamismo compositivo della tavola, ne sono un’espressione perfetta. Il ritmo delle vignette, dal formato piuttosto variabile e quasi incastonate in modo caotico – all’interno di una tavola asimmetrica, privata di una propria, coerente spazialità – suggerisce quindi l’illusione di un movimento che, in quanto illusorio, non può non arrestarsi.

calvin_hobbes_tav2_2febb1992

La neve, infine. Che qui non si scioglie in “disegno puro” – linea nel vuoto, segno nel bianco come nella tavola del 1995. Anzi, Watterson sembra sottolinearne il significato di “materia” per eccellenza, nella quale i due amici cadono, coprendosi di bianco. In quella tonda vignetta-zoom, bordata di nero, solo momento di assenza del colore e di disegno ridotto al grado zero, Watterson racconta la neve come apparenza grafica della realtà. Un piccolo assaggio della realtà con cui Calvin spesso si scontrerà; ma una “realtà morbida” voluta da un creatore benevolo, che prepara (disegna) un futuro di conflitti mirabili, vivificanti, e persino – come spiegherà la sunday page finale – fonte di un percorso di scoperte e di sorrisi. La neve che copre, ma anche la neve che rivela – la forza stessa del disegno.

VAI ALLA PRIMA TAVOLA

LEGGI L’INTRODUZIONE

Seguici sui social

52,853FansMi piace
1,639FollowerSegui
2,645FollowerSegui
18,861FollowerSegui

Ultimi articoli

Leiji Matsumoto lucca comics 2018

Leiji Matsumoto ricoverato in ospedale a Torino, è in rianimazione

Leiji Matsumoto, noto per essere il creatore di Capitan Harlock, è stato ricoverato per un malore all'ospedale Molinette di Torino.
takei they called us enemy

I 5 migliori fumetti del 2019 secondo Publishers Weekly

Publishers Weekly ha stilato sul sito online la propria lista dei 5 migliori fumetti distribuiti negli Stati Uniti nel 2019.

I fumettisti italiani disegnano i cartoni animati del passato

Alcuni autori italiani di fumetto hanno partecipato a un progetto intitolato "This is Not Bim Bum Bam" che omaggia popolari cartoni animati del passato.