Lo scaffale di Gud

Per la nostra rubrica Lo scaffale di…, questa settimana abbiamo chiesto a Gud (autore del recente Tutti Possono Fare Fumettidi raccontarci le sue letture più recenti.

peterpan

Peter Pan, di Loisel (Edizioni bd)

Ho acquistato questo capolavoro di Régis Loisel in bianco e nero in un’edizione che, purtroppo, non gli dà propriamente giustizia. Forse andava stampato più in grande, ma rimane sempre un piacere per gli occhi, sfogliare le tavole zeppe di personaggi, fantastiche atmosfere e narrazione pazzesca. Di giorno vengo bombardato da mio figlio di tre anni che gioca volando per la casa in direzione dell’isola che non c’è, la sera leggo le stesse vicende con un taglio più adulto che coniuga benissimo lo stile del romanzo di Barrie e riesce, quasi, a far dimenticare il lungometraggio animato della Disney.

billbaroud

La Jeunesse di Bill Baroud, di Manu Larcenet (Fluide Glacial)

Manu Larcenet è il mio autore preferito e, mi bullo con gli amici, perché nella mia libreria mancano solo un paio di suoi lavori. Questo personaggio realizzato per la rivista umoristica Fluide Glacial, racchiude tutta la sua poetica a fumetti. Racconta storie agro dolci sull’infanzia di quest’improbabile agente segreto che, da grande, si troverà a sconfiggere nemici terribili che minano la tranquillità del mondo. Tutto in storie brevi di sei pagine. Se vi piace Zerocalcare, il Larcenet di Bill Baroud vi lascerà senza parole. Spero di poterlo leggere in un’edizione italiana al più presto.

viola_giramondo_cover_hr

Viola Giramondo, di Teresa Radice e Stefano Turconi (Tunué)

Fare fumetti per bambini non è cosa semplice e, visto il momento attuale, mi sembra una cosa necessaria. Teresa e Stefano li fanno da sempre per il mainstream e spero che questo sia il primo di una lunga serie di lavori in cui la loro libertà creativa si possa esprimere a questi livelli. Se fossi un bambino di otto anni (come probabilmente sono) libri come questi mi cambierebbero la vita. Belle le storie, i disegni, i colori, i personaggi, tutto il mondo di Viola, la splendida ragazzina protagonista in questo circo che è la sua vita.

de luca AMLETO

Amleto, di Gianni De Luca (Black Velvet)

L’eleganza del segno e la creatività nella narrazione, sono questi i due elementi che mi lasciano senza parole durante la lettura di queste libro stratosferico. La passione per l’insegnamento mi viene anche dal piacere che provo nella riscoperta. Perché ciclicamente mi trovo a innamorarmi ancora di autori che, per motivi del tutto oscuri, vengono dimenticati e lasciati a prender polvere sugli scaffali. Allora li spolvero e li racconto ai miei allievi, nella speranza che il seme di tanta grandezza trovi terreno fertile.

topogigio

Topo Gigio, di Dino Battaglia (Lo Scarabeo)

Uno dei miei passatempi preferiti è rovistare sulle bancarelle di libri usati, quando ne vedo una, difficilmente torno a casa senza la mia dose di emozioni riproposte e pagine ingiallite. Di poco fa la scoperta di questo libro, edito da Lo Scarabeo, in cui Dino Battaglia racconta su testi di Perego, Caldura e Ongaro le storie di Topo Gigio. Il tratto e la deformazione dei personaggi, rendono comunque riconoscibile il grande maestro del bianco e nero che, in alcuni passaggi, trasforma le vignette in pura poesia narrativa dando uno spessore tridimensionale e regalando la serie A a un personaggio che, fino a ieri per me, era relegato in panchina nella serie B del campionato dell’immaginario.