Chi era Dick Ayers (1924-2014), disegnatore e inchiostratore americano

Dick Ayers, uno degli autori del periodo pionieristico del fumetto americano, disegnatore e inchiostratore attivo fin dalla fine degli anni ’40, è morto lo scorso 4 maggio, pochi giorni dopo aver compiuto 90 anni, a causa di complicazioni legate al morbo di Parkinson.

Dick Ayers

La sua carriera nei comics iniziò grazie all’incontro con Joe Shuster, il co-creatore di Superman, che lo ingaggiò per lavorare su Funnyman (Magazine Enterpraises), personaggio dalla breve vita editoriale creato da Shuster e Jerry Siegel dopo avere abbandonato la DC Comics. Per lo stesso editore negli anni ’50 creò Ghost Rider, una serie capace di mischiare due generi allora molto in voga: l’horror e il western.

ghost rider-ayers

Il primo contatto con uno dei due papà di Superman e il successivo approdo a Magazine Enterpraises avvenne durante una visita di Shuster alla scuola Burne Hogart, dove Ayers era studente: «Joe mi fece disegnare alcune storie di Funnyman dopo aver visto i miei disegni durante un corso serale alla Hogart e mi mandò da Vin Sullivan della ME, che mi fece fare una prova per la striscia di Jimmy Durante. Presentai il mio lavoro e ottenni l’impiego.» Ricordò l’autore in un’intervista del 2005.

Dopo che la nascita del Comics Code nel 1954 costrinse Ghost Rider alla chiusura, Ayers passò a lavorare per Atlas (la futura Marvel), per la quale disegnò numerosissime storie western e di guerra nonché alcuni episodi della Torcia Umana. È in questo periodo che inizia il suo sodalizio con Jack Kirby, per il quale inchiostrerà molte storie (tra cui alcuni dei primi numeri dei Fantastici Quattro all’inizio degli anni ’60).

Nel 1964 Ayers ereditò da Kirby il ruolo di disegnatore delle storie di Sgt. Fury and His Howling Commandos, serie che illustrerà quasi ininterrottamente per 10 anni per oltre 100 numeri e a cui il suo nome resterà indissolubilmente legato. È un fumetto che permisee ad Ayers di riversare nelle pagine le proprie esperienze come soldato durante la Prima Guerra Mondiale. Lo raccontò in un’intervista del 1991: «Ho iniziato come meccanico radio, poi fui assegnato a uno squadrone in procinto di andare in Europa e bisognoso di un progettista. Frequentai per trenta giorni la Tampa University e divenni un progettista. […] Poi andai in Gran Bretagna, in Normandia, su in Olanda e infine in Germania. Ho preso parte a sei campagne. […] Queste esperienze hanno contribuito alla creazione di molte delle storie di Sgt. Fury and His Howling Commandos, quasi a tutte, a dire il vero. Avevo una breve sinossi da cui disegnare 23 pagine, quindi c’era un sacco di spazio per infilarci roba mia.»

fury-dick-ayers

Nel corso degli anni ’70 fu tra i disegnatori di punta della Eerie Publications, casa editrice specializzata nella pubblicazione di antologie di fumetti horror in bianco e nero. Inoltre, lavorò per alcune serie della DC Comics come KamandiJonah Hex e Scalphunter. Nel decennio successivo collaborò con Archie Comics, disegnando alcune serie di genere supereroistico.

Nel 2007 arrivò, finalmente, un importante riconoscimento: Ayers fu inserito nella Will Eisner Hall of Fame.